diritti

Diadmingma

LO SFRUTTAMENTO DELL’ACQUA BENE COMUNE: Water Grabbing

L’acqua nel mondo: è un bene comune o una risorsa finanziaria?

Ne parleremo MARTEDI’ 27 MARZO 2018 a Montagnana, in Sala Veneziana alle ore 20.45, insieme al giornalista Emanuele Bompan, il presidente di GMA p. Vitale Vitali, con l’introduzione di Enrico Marcolin.

Viviamo in un mondo complesso: pochi di noi si rendono conto di quante risorse e violenze sono nascoste dietro oggetti e servizi che consumiamo ogni giorno.

Il giornalista ambientale Emanuele Bompan ci condurrà in un viaggio in cinque paesi (Vietnam, Colombia, Palestina,
Etiopia) con un’inchiesta giornalistica e testo-denuncia su come le «guerre» per l’acqua stiano diventando
una causa frequente di conflitti, instabilità sociale e migrazioni.

Il fenomeno globale dell’accaparramento idrico è visto nelle sue cause ed effetti in vari contesti: si dimostra come il preoccupante fenomeno del land grabbing, come fu definito qualche anno fa, si sia ormai esteso, anche se in forme diverse, alla risorsa acqua. Il land grabbing ha visto sinora coinvolti più di 30 milioni di ettari di terreni, in particolare nell’Africa subsahariana, accaparrati da imprese private, specialmente di Cina ed Emirati Arabi Uniti, allo scopo di soddisfare il fabbisogno alimentare interno e per una maggiore disponibilità di prodotti derivati da biomassa forestale o agricola, come i biocarburanti.

Emanuele Bompan e Marirosa Iannelli sono autori del libro “Water Grabbing: Le nuove guerre dell’accaparramento dell’acqua“, 2018, Edizioni Emi

Altre info: www.emi.it, www.emanuelebompan.it

Diadmingma

Il diritto all’istruzione diventa realtà

Nel villaggio di Humbo l’asilo-fidel è ora realtà…

in molti ci hanno sostenuto, in tanti ci hanno creduto… la campagna #mandiamoliascuola ha portato grandi risultati con la costruzione nel 2017 di 5 edifici scolastici!

la solidarietà ora ha trovato la sua destinazione tra i bambini del villaggio di humbo… oggi impegnati a imparare l’alfabeto latino!

[su_youtube url=” https://youtu.be/8aov93RNbEo”]

Grazie a chi ci ha sostenuto, a chi tutti i mesi sostiene il villaggio di Humbo, alle aziende che come #Inoxriv SpA e #TecnoaziendaSrl hanno scelto di fare della solidarietà internazionale la loro Responsabilità Sociale d’Impresa!

Diadmingma

Missione in Etiopia ottobre-dicembre 2017

[su_youtube url=”https://youtu.be/tMdCEpVnyjg”]

La missione in Etiopia si è consclusa!… bastano le immagini per capire come è andata, soprattutto per vedere i risultati della vostra solidarietà.

I sorrisi della gente dei villaggi è il ringraziamento per tutti voi!

[foogallery id=”12366″]

Diadmingma

Zaezega è un villaggio che cresce per donne e bambini

Nel villaggio di Zaezega molte cose stanno cambiando, Grazie a voi, dal 2014 ad oggi :

  • costruzione casa Pavoni
  • risutrutturazione asilo di Zaezega e costruzione servizi igienici e piccolo impianto acqua
  • formazione insegnanti Asilo
  • distribuzione allevamenti familiari
  • corsi di Formazione mamme
  • corsi professionalizzanti di Donnattiva
  • corsi di computer
  • avvio Casa Famiglia che oggi accoglie 12 ragazzi a rischio

[foogallery id=”12165″]

Diadmingma

Dalla Cooperazione Internazionale a una Politica della Convivenza

Barbera (presidente Cipsi): “La nuova politica della Convivenza inizia da un collegamento permanente tra organizzazioni della società civile di Cooperazione internazionale, Accoglienza migranti, Sociale italiano e tutela dell’Ambiente.” Nuove associazioni africane entrano nel CIPSI”.

Roma, 28 novembre 2016 – “La nuova politica della Convivenza inizia da un collegamento permanente tra organizzazioni della società civile di Cooperazione internazionale, Accoglienza migranti, Sociale italiano e tutela dell’Ambiente”. Conclude così Guido Barbera, presidente di Solidarietà e Cooperazione CIPSI – coordinamento di 30 associazioni di solidarietà – la giornata di formazione svoltasi sabato 26 novembre 2016 a Roma nel contesto di un’Assemblea dei Soci CIPSI che ha dato il benvenuto a nuovi Soci, tra cui due Assoiciazioni dell’Africa: Associazione Jurée del Senegal e AMT/WAFA del Camerun.

“La lotta alla povertà in Italia, continua Barbera, ha bisogno di maggiori risorse, di adeguamenti della normativa per un mondo globalizzato che è cambiato. Viviamo in un mondo interdipendente: il nostro ruolo è assumere responsabilità e ripartire dalla comunità locale, da reti territoriali e sociali in modo orizzontale. Il futuro del welfare è partecipato! È urgente anche una nuova economia Sociale e Solidale. La cooperazione Internazionale così come l’abbiamo conosciuta e vissuta negli ultimi decenni, è storicamente finita! È evidente, oggi, che i flussi migratori stanno cambiando la realtà e il volto dei nostri territori, non sono un fatto contingente legato a particolari sconvolgimenti di natura politica, economica o sociale, ma rappresentano invece un elemento strutturale, conseguenza della natura delle relazioni e del sistema economico mondiale globalizzato in cui viviamo, oltre che dei cambiamenti ambientali che stiamo vivendo. L’aiuto a casa loro perché non vengano da noi non può funzionare se non cambia il modello di sviluppo, ma soprattutto la politica di relazione e partecipazione dei cittadini nella costruzione della Polis comunitaria e della gestione del proprio territorio. Accesso ai diritti e ai beni comuni in ugual maniera per tutti i cittadini, in ogni Paese, è l’obiettivo centrale dell’Agenda 2030. Questo ci chiede di superare la sola politica di Cooperazione per sviluppare una Politica della Convivenza. Una politica che parte dal territorio locale per aprirsi al mondo. Una politica che parte dai cittadini e si rivolge ai cittadini. Una politica non di muri, ma di inclusione: non solo di razze, culture e religioni, ma anche di saperi, costumi e tradizioni. Una politica dove la persona non è strumento di produzione, ma portatrice di diritti. Tutto questo e altro, ci proiettano oggi verso una nuova identità della cooperazione, ma anche verso un nuovo ruolo dei cittadini e delle loro varie forme di aggregazione”.

Alla giornata di formazione, svoltasi a Roma presso uno spazio di Altramente, hanno partecipato circa 50 realtà e associazioni di diversi settori, e in particolare sono intervenuti: Augusto Battaglia (Presidente Comunità Capodarco RM, già parlamnetare ed Assessore Regione Lazio), Patrizia Sentinelli (già Viceministro Affari Esteri con delega alla Cooperazione), Jean Fabre (già Vice Direttore ufficio UNDP Ginevra). Nel pomeriggio c’è stata un’animata Tavola rotonda con Maurizio CEI (Consorzio Coeso Empoli), Raffaella Galeone e Mauro Pagnano (Etiket Comunicazione Sociale per NCO – Nuova Cooperazione Organizzata), Letizia Cesarini Sforza (Collegamento Italiano Lotta alla Povertà Cilap–EAPN), Silvia Stilli (Direttrice ARCS e portavoce AOI), Cnca … e molteplici associazioni e soci del Cipsi.

Cipsi | Coordinamento di Iniziative Popolari di Solidarietà Internazionale

Nicola Perrone – Ufficio stampa Cipsi – Rivista Solidarietà Internazionale – Operatore Locale di Progetto (OLP) Servizio Civile Nazionale

Largo Camesena, 16 – 00157 Roma | M 329.0810937 | F 06.59600533

E ufficiostampa@cipsi.it | W www.cipsi.it | www.solidarietainternazionale.it