DONNA

Diadmingma

DONNA: attiva nel presente e protagonista del futuro

La giornata internazionale della donna è un’occasione per conoscere la condizione della donna nel mondo, GMA con l’8 marzo, sceglie di portare in evidenza l’importanza delle donne in Etiopia e in Eritrea, dove l’associazione lavora dal 1972: L’Africa cammina con i piedi delle donne,
GMA dedica alla donna l’ultima pubblicazione edita “DONNA: attiva nel presente e protagonista del futuro”: immagini, dati, diritti e azioni di sviluppo offrono un approfondimento sulla donna nel Corno d’Africa, non solo vittima della disparità di genere, ma anche e soprattutto protagonista di sviluppo e promozione dei diritti nella propria comunità. Per questo l’azione di solidarietà internazionale di GMA parte dalla promozione della donna.
Padre Vitale Vitali, presidente di GMA presenta questo fascicolo: “ L’8 marzo è la Festa della donna, per noi è un’occasione importantissima per ricordare: ricordare il ruolo della donna, simbolo di pace, una pace costruita giorno dopo giorno dalle donne, educatrici e lavoratrici, che quotidianamente pongono le basi di un mondo più giusto: lo fanno per i loro figli.

Abituate da sempre a fare i conti con la quotidianità della vita e con la sfida della sopravvivenza, ogni giorno centinaia di migliaia di donne africane percorrono le strade del continente, alla ricerca di una pace durevole e di una vita dignitosa. Percorrono chilometri a piedi ogni giorno, per portare l’acqua alla famiglia. Poi vanno al mercato dove per tutta la giornata vendono quel po’ che hanno, per portare a casa il necessario per nutrire i propri figli. Riproducono così ogni giorno, il miracolo della sopravvivenza.

Sono in maggioranza le donne a lavorare i campi, su terreni che non appartengono quasi mai a loro. Eppure le donne controllano il 70% della produzione agricola, che producono l’80% dei beni di consumo ed assicurano il 90% della loro commercializzazione.

Le donne, sono la spina dorsale che sorregge l’Africa. In tutti i settori della vita: dalla cura della casa e dell’infanzia, all’economia, alla politica, all’arte, alla cultura, all’impegno ambientale.
Per questo GMA le sostiene e racconta di loro e con questa pubblicazione, ricorda a tutti l’importanza di sostenere le donne, tessitrici di pace.

 

Diadmingma

Bossa Kacha: una nuova cooperativa per il villaggio

Nel villaggio di Bossa Kacha c’è una nuova cooperativa, che GMA ha iniziato ad affiancare nel 2017. Si è costituita in autonomia, su suggerimento dell’amministrazione locale.
GMA ha iniziato a supportare i soci, sostenendoli nella formazione con un  animatore che li incontra settimanalmente: presto garantiremo loro il primo fondo di microfinanza utile per avviare i primi investimenti personali.
La cooperativa è composta da 65 soci, è una cooperativa mista. Hanno avviato le prime attività collettive per generare i primi ricavi: si occupano della raccolta del latte, sia presso i soci della cooperativa che presso altre famiglie del villaggio, e realizzano prodotti caseari come burro, yogurt, panna e formaggi.
Ogni giorno raccolgono circa 45-50 l di latte, che vengono lavorati per produrre formaggio, yogurt e burro che viene venduto settimanalmente al mercato di Soddo. Insieme all’attività casearia vi è la panificazione.
Sono persone molto intraprendenti, per questo il loro primo obiettivo è avere un punto vendita dove poter distribuire i prodotti da forneria e i derivati del latte.

Scopri di più sulla nuova cooperativa di Bossa Kacha in Etiopia!

Puoi scegliere di sostenere la cooperativa con le schede “Famiglie nel villaggio”, con una donazione continuativa

Diadmingma

Offa Gandaba: nasce una nuova cooperativa

Affianchiamo le donne di OFFA, sostenendole nella formazione e nelle attività lavorative della cooperativa.

Formando la cooperativa hanno costituito un fondo comune grazie ai loro risparmi per fare i loro primi piccoli investimenti. Daremo un supporto al loro fondo cassa e incentivi alle loro attività generatrici di reddito, affinché possano migliorare le loro di produzione agricola, allevamento o commercio.

Grazie alla cooperativa, le donne si fanno “ambasciatrici” dei bisogni del villaggio e promotrici di sviluppo.

Sosterremo servizi ed attività in risposta ai bisogni dell’intero villaggio: ad esempio, accesso all’acqua ed all’istruzione.

Obiettivi

La promozione delle attività della cooperativa e il sostegno al villaggio hanno lo scopo di migliorare le condizioni di vita della gente del villaggio.
In particolare:
Si migliorerà l’economia del villaggio, grazie al ruolo delle donne e al loro lavoro;
Si sosterrà la formazione delle donne, di conseguenza si promuoverà l’importanza del loro ruolo nella famiglia e nella società
Si miglioreranno le condizioni di vita delle loro famiglie, in particolare dei figli, che potranno andare a scuola e miglioreranno la loro alimentazione.

Beneficiari

GMA inizia a lavorare con una nuova cooperativa, composta da 60 donne, che si sono riunite in associazione su aiuto ed indicazione del governo locale che sta promuovendo la microfinanza e la promozione di nuove attività generatrici di reddito.
Le donne socie della cooperativa, sono di religione mista, madri di famiglia sotto i 40 anni di età, che si sono individuate per onestà e coinvolgimento alle attività del villaggio.

Il villaggio di Offa Gandaba e l’economia locale

Il villaggio di OFFA è situato nella zona del Wolayta (di cui Soddo è capoluogo) e dista 7 km dalla città. La popolazione complessiva è di 2.456 abitanti (registrati).
Le famiglie di quest’area sono composte mediamente da 7 – 8 persone, poco più della media nazionale. Le attività economiche di sostentamento, sono legate all’agricoltura di sussistenza e all’allevamento di animali, solo in piccola parte vivono di commercio locale.
Nel villaggio è possibile la produzione di foraggio, frutta e l’orticoltura. Una delle principali fonti di reddito della gente locale deriva da una foresta di oltre 1000 ettari eucalipto.

Diadmingma

Assemblea Soci del 18-19 Marzo 2017

Oggetto: Convocazione Assemblea Soci

Le SS. LL. sono invitate a partecipare all’Assemblea dei Soci di GMA onlus che si terrà a Montagnana (PD), presso il teatro dell’Istituto Sacchieri, sabato 18 e domenica 19 marzo 2017, alle ore 15.00 in prima convocazione e alle ore 15.30 in seconda convocazione.

L’Assemblea è chiamata a discutere e deliberare sul seguente o.d.g.:

1. breve sintesi del verbale della precedente Assemblea;
2. relazione della Presidenza;
3. Eritrea: aggiornamento paese
4. Etiopia: aggiornamento paese e nuove attività in corso:
– progetto Ponti (fin. Min. Interno)
– collaborazione Università Wolayta e Università Bergamo
– nuove cooperative
– missioni svolte e coinvolgimento nuovi partecipanti
– promozione campagna “Mandiamoli a Scuola”
– promozione campagna “100 orti”

5. analisi bozza bilancio-situazione economico finanziaria al 31/12/2015 e previsioni 2017;
6. programmazione eventi GMA sul territorio italiano;
7. Approfondimento e rilettura del carisma pavoniano di GMA, con la presenza del Superiore Generale e Provinciale della congregazione.
8. varie ed eventuali.

I lavori si svolgeranno sabato dalle ore 15.30 alle 19.30, in serata è prevista la cena con tutti i soci e famiglie. Nella giornata di Sabato ci focalizzeremo sulle scelte operative dell’associazione;

Domenica 19 marzo alle ore 9,30 ci sarà la Santa Messa e a partire dalle 10,30 riprenderà l’assemblea con una mattinata di formazione e discussione sulle prospettive di GMA per un cammino futuro condiviso.

A questo scopo vi invitiamo caldamente a partecipare alle due giornate, coinvolgendo anche persone a voi vicine e interessate. La programmazione futura dipende dalla vostra partecipazione!

Concluderemo l’assemblea con il pranzo insieme alle ore 13,00.

È assolutamente necessaria la vostra conferma di partecipazione per gestire i pasti e i pernottamenti. Attendiamo un vostro riscontro via mail alla segreteria di GMA gma@gmagma.org o per telefono 0429/800830, o contattando direttamente Maria Boggian al numero 335 6838903.

In attesa di incontrarvi, invio cordiali saluti.

Vitali p. Vitale
Presidente GMA onlus

Diadmingma

13-21 Ottobre – p. Vitali in Eritrea per vivere insieme i nuovi traguardi della comunità pavoniana in Eritrea

Lo scorso Ottobre p. Vitali, insieme al caro amico Zarattini, è stato in Eritrea: una settimana intensa, durante la quale ha fatto visita al villaggio di Zaezega, dove negli ultimi anni ci siamo impegnati fortemente a migliorare la vita nella gente del villaggio.
A distanza di un anno dalla sua ultima missione in Eritrea, p. Vitali ci racconta come nel villaggio la vita stia cambiando, soprattutto per l’intraprendenza della gente e per la capacità di fare gruppo: le donne frequentano i corsi Donnattiva per imparare un mestiere, le attività dei bambini all’asilo e alla nuova casa famiglia che ora accoglie 14 ragazzi di strada, tutti di circa 12-14 anni.

“La visita al villaggio di Zaezega è stata ricca di entusiasmo e novità.

Le attività all’asilo continuano e migliorano costantemente: attualmente ci sono 180 bambini dai quattro ai sei anni iscritti. Per poter partecipare tutti sono stati divisi in due turni, uno mattunino e un turno pomeridiano. I bambini, tra le varie cose, imparano l’alfabeto e nozioni di igiene personale e sono seguiti da dieci maestre che annualmente si aggiornano con i corsi di formazione per insegnanti organizzati dalle Suore di Sant’Anna. Incredibile descrivere come al mio arrivo in aula fossero pieni di gioia e alcuni di loro a turno, con la bacchetta in mano, hanno recitato tutte le lettere dell’alfabeto scritte alla lavagna.

La formazione dei giovani continua con i corsi per computer destinati agli studenti più grandi. Sono già giunti al termine tre turni di corso da circa 20/30 studenti l’uno, i quali hanno conseguito il diploma.

In una struttura adiacente al centro dei pavoniani, messa a disposizione dal pastore protestante, 180 giovani mamme frequentano regolarmente i corsi di formazione in taglio e cucito, ricamo, tessitura e per diventare parrucchiera grazie anche alla collaborazione suore figlie di S. Anna. Ora, un gruppetto di suore vive a Zaezega, dove possono gestire al meglio il corso di formazione Donnattiva che permette alle donne di imparare un mestiere ed essere in grado di provvedere alla propria famiglia ed essere economicamente indipendenti.
Le donne a fine percorso ricevono il diploma e le più brave riescono a vendere nel villaggio o si inseriscono nel mercato di Asmara.

Nel villaggio si è costituito un gruppo di auto mutuo aiuto di  donne affette da HIV: è un grande successo, perché significa che il tema non è un tabù,  viene affrontato, le donne malate hanno il coraggio di emergere e di fare gruppo per aiutarsi, superando ogni pregiudizio: è una gioia sapere che sono ben inserite anche loro all’interno della comunità.

Nella casa dei pavoniani, si sta sperimentando un piccolo orto, i padri coltivano l’erba medica per la vacca che hanno all’interno del compound. Hanno anche un piccolo pollaio: questi animali permettono di avere uova e latte tutti i giorni, il latte viene anche venduto alla gente del villaggio che ne fa richiesta. Gli animali del compound sono curati e gestiti da un contadino del villaggio.

Nel compound quindi c’è molta vita: la novità più bella è la presenza dei ragazzi di strada ospitati nella casa. Qui i ragazzi hanno trovato un luogo accogliente e si sentono sicuri e stanno quindi lontano dai pericoli della strada. In Eritrea sono sempre più frequenti i bambini che cercano di arrangiarsi nella vita di strada, che non hanno la possibilità di vivere con la propria famiglia e sono a rischio.

Nella casa famiglia i ragazzi vivono insieme, frequentano la scuola, partecipano alle attività ed animazione e ricevono cure mediche necessarie.              

Per il 2017 abbiamo un nuovo importante programma: PORTARE ACQUA PULITA AL VILLAGGIO.

A Zaezega c’è un piccolo impianto idrico, che tuttavia non garantisce acqua per tutto il villaggio, per questo la comunità ci ha chiesto di scavare un altro pozzo per avere acqua disponibile.
Zaezega è già un villaggio di 8.000 abitanti e aumenterà ancora.

GMA continua a camminare a fianco della gente del villaggio di Zaezega, che ringrazia per quanto è stato fatto per loro oggi. E così un altro villaggio in Eritrea realizza a pieno il progetto che GMA ha in mente: dare la struttura di base essenziale per una vita più dignitosa con attenzione ai bambini, ai giovani e alle mamme.”

Approfondisci la lettura:
Zaezega il villaggio delle nuove speranze
– Casa famiglia Pavoni di Zaezega

 [print_gllr id=1389]