volontariato

Byadmingma

Etiopia, arriviamo per nuove esperienze e nuove emozioni, ma soprattutto per conoscerti

Ilaria è una ragazza del gruppo #giovaniGMA. Psicologa in fase di specializzazione, ha deciso di dedicare 20 giorni del suo tempo per visitare i nostri villaggi insieme allo staff di GMA e ad altri amici dell’associazione, e in particolar modo il villaggio di Mayo Koyo. Seguiremo il loro viaggio passo passo.

[print_gllr id=7361]

 Ecco il loro calendario di viaggio:

 


17/04/2015

“… manca davvero poco oramai al mio primo viaggio in Africa. Tanti sono i desideri, le idee, le speranze e i mille toni emotivi che hanno accompagnato fin dallinizio la preparazione a questa esperienza. C’è soprattutto l’aspettativa, l’entusiasmo e la determinazione di voler contribuire, nel villaggio di Mayo Koyo, all’vvio di un processo di cambiamento, che porti verso la strada dell’autonomia e dell’indipendenza economica. C’è la volontà e la speranza di rendersi utili in questo progetto, diventando portavoce dei racconti e delle necessità degli abitanti del villaggio che avrò la possibilità di conoscere direttamente. C’è anche la curiosità di vedere e toccare con mano una terra così lontana dalla nostra nella cultura e nelle tradizioni, nei colori e negli odori, ma anche così vicina, a cui siamo profondamente e originariamente legati. Una terra che merita rispetto e presa di responsabilità da parte nostra. Le paure, i dubbi e le preoccupazioni, più o meno razionali, di certo non mancano! Non so di preciso cosa mi aspetterà, non so se sarò capace di fare i conti con quello che vedrò e con quello che la mia coscienza inevitabilmente mi porterà a riflettere, ma ho una certezza: in ogni caso, ne sarà valsa la pena”.

 

Vedi le altre storie di volontari GMA che hanno conosciuto le nostre attività in Etiopia

Byadmingma

L’Africa… il viaggio del ritorno

attivi_promuoviEra dall’età di sei anni che non la rivedevo, ed esserci stato dal 10 al 22 dicembre dello scorso anno mi ha fatto vivere emozioni incredibili ed indimenticabili.

La luce che ho visto in Etiopia è qualcosa di unico, la natura, i paesaggi, sono una ricchezza inestimabile che non è stata ancora violata dall’uomo e posso assicurare che vista dagli occhi di un occidentale è una cosa che ti fa molto riflettere.

Sono stato colpito dalla forza di volontà del popolo africano, specialmente dalle donne, di migliorare le loro condizioni di vita e allo stesso tempo ottenere un ruolo da protagoniste nella società.

Sono stato affascinato dal sorriso dei bambini, dalla loro semplicità e dalla loro voglia di vivere nonostante le difficoltà e le ingiustizie che subiscono a causa della grande piaga dell’Africa, la “povertà”.

Ho avuto la fortuna di vedere come nei villaggi e allo stesso tempo nelle città ci sia la voglia di vivere insieme, di andare avanti per costruire un futuro migliore e ciò è testimoniato dai lavori per la costruzione delle scuole, pozzi per dare acqua potabile, sale multiuso per finanziare attività di miscrocredito.

Voglio lasciarvi con questa immagine stupenda che ogni tanto mi capita di ripensare, ero a Bonga, una città che ho visitato situata a 406 km a sud-ovest di Addis Abeba; ero in un bar a far colazione quando vedo una piccolissima bambina con due occhioni neri enormi che mi fissano, un bellissimo sorriso mi lascia senza parole, la prendo subito in braccio e lei mi stringe con le sue manine dandomi un bacino, questa è l’immagine che ho del popolo etiope, che ha solo voglia di abbracciare la vita con le proprie forze e sentirsi allo stesso tempo amato.

 Mario

Byadmingma

Cuochi per una sera – 6 luglio a Pisa

“Cuochi per una sera” è una serata particolare, dove potremo unire il piacere di ritrovarci con il desiderio di aiutare coloro che fanno parte degli ultimi della terra.
La serata, quest’anno, è ambientata nella nostra bella Pisa, e, quindi, vi aspettiamo nella nostra casa in Via Nazario Sauro al civico 4 – zona Porta a Lucca – domenica 6 Luglio alle ore 20.00, dove potrete partecipare in qualità di “Giudici” alla sfida di due squadre di cuochi, che si cimenteranno in una gara culinaria.

La serata, come lo scorso anno, sarà dedicata all’Associazione Onlus Gruppo Missioni Africa – G.M.A. – di cui noi facciamo parte insieme ad altri amici, con i quali abbiamo organizzato la cena.

Vi aspettiamo numerosi per trascorrere insieme una piacevole e divertente serata estiva, accompagnati da un buon cibo, da un buon vino e da una bella musica, impegnandoci di ripetere o, meglio ancora, superare il successo dello scorso anno.

Con simpatia e con affetto
Maria Giulia e Giuliano

Confermare o meno la vostra partecipazione, entro e non oltre il 30 Giugno prossimo, insieme al numero ed al nome dei partecipanti, facendovi presente che il numero dei commensali è limitato.

Per informazioni e prenotazioni:
Simona Gesi cell: 338 4184458
Barbara Boccardi : 392 9489925


LOCANDINA dell’ EVENTO – scarica qui il pdf

 

Byadmingma

Volontariato, Relazioni e Condivisione

Guido Barbera, presidente CIPSI, interviene domenica mattina in occasione dell’Assemblea Soci di GMA onlus del 15-16 Marzo.

[youtube id=”yPF-dLEXeAo” width=”600″ height=”350″]

 

L’essere qui oggi per me ha un grande significato perchè nel GMA ho sempre visto un luogo di capacità di rinnovamento nell’andare al passo con i tempi e anche questo ricambio generazionale è un passo decisamente significativo, a mio avviso, ed uno dei motivi per i quali questa mattina mi ha spinto ad essere qui. Ho visto il cammino di alcuni giovani che stanno facendo. Io credo sia importante mettere insieme questa saggezza di chi ha l’esperienza di decenni sulle spalle, l’esperienza maturata è sempre un valore importante di cui far tesoro, ma saperla mettere in relazione con entusiasmo, la vivacità, l’innovazione dei giovani per fare un cammino. Il cammino, credo, partendo dai giovani sia fortemente legato all’esperienza di volontariato.
Io ho iniziato a 14 anni quando la prima volta una sera, in chiesa, al mare ho incontrato Don Luigi Ciotti e mi ha affascinato e trainato nei suoi gruppi, nei suoi incontri a interessarmi di quelli che erano i problemi dei giovani. In quel periodo avevo un grande sogno, anzi ce lo avevo già da piccolo, a quelli che mi chiedevano cosa farai da grande, rispondevo, il medico perchè devo andare in Africa a curare i bambini. Poi non ho fatto il medico e non sono mai andato come volontario in Africa. Mio padre non voleva che facessi il medico e ho studiato tutt’altro ma non ho mai mollato quell’idea dell’Africa, dell’altro, dei giovani, degli anziani e ho avuto la fortuna di essere molto impegnato con i giovani in parrochia e mi sono messo in silenzio in attesa che i tempi cambiassero e dopo un pò ho accettato l’invito di una amica che era assessore ai servizi sociali per iniziare varie attività coinvolgendo i giovani per seguire le varie povertà nel territorio, i bambini che non andavano a scuola, perchè vivevano in famiglie disagiate, le ragazze madri, i ragazzi o ragazze o persone che uscivano dal carcere, gli anziano che non potevano andare a fare la spesa e vivevano semi-abbandonati in casa, ecc…
Avevamo creato una rete di giovani che dedicavano una parte del loro tempo a seguire queste problematiche ma non solo seguirle per andar a fare un’ora di dopo scuola o andar a far la spesa per la persona anziana, ecc… ma per risollevare dalla città quelle problematiche di quelle persone.
In quel periodo ho capito che il volontariato aveva un ruolo molto importante, era occuparsi della vita di queste persone che in qualche modo era anche la mia vita perchè faceva parte di quel contesto dove anche io vivevo li vicino e quindi problematiche che erano comuni.
Ho iniziato a capire dentro di me la profondità di quegli appelli, di quei messaggi.
Certe questioni non vanno bene alla nostra società, soprattutto alla nostra politica o se vogliamo dire, ai nostri centri di potere.
Oggi, parlare di volontariato senza collegarlo alle persone e alle problematiche in cui vivono, sia falso, sia un volontariato falso.
Quando vedo il mondo del volontariato di oggi che accetta passivamente l’evoluzione politica, le leggi, le decisioni che vengono prese senza dire nulla o addirittura ringraziando perchè in tempo di crisi si lascia qualche risorsa, mentre di fatto si sta tagliando le gambe al volontariato italiano a livello di contenuti, io non lo posso accettare. Quando utilizzo degli strumenti di comunicazione, noi come Cipsi abbiamo fatto una grossa campagna contro Mission perchè il modo di comunicare la tragedia di quelle persone non lo possiamo accettare. Ci sono delle persone in ballo, non ci sono delle semplici raccolta fondi. La drammaticità di milioni di persone che vivono in situazioni quotidiane disastrose che vengono raccontate da illustri sconosciuti in questo mondo.
Il volontariato non può essere semplicemente una raccolta di fondi per fare o dare qualche cosa a qualcuno.
Io credo che il volontariato abbia un senso, un significato profondo nel momento in cui ha dei valori fondamentali. Si mette in relazione con le persone
e la relazione non è semplicemente assisterti mentre stai male in un ospedale o aiutarti a fare i compiti. La relazione vuol dire entrare in un rapporto diretto, di scambio profondo, di conoscenza di condivisione delle problematiche che stai vivendo. Quando io condivido il problema che tu vivi, lo confronto con i miei e ne discutiamo, faccio politica, perchè la politica è affrontare le problematiche che ci sono della nostra vita in comune per trovare le maniere per risolverlo o migliorare le situazioni o difendere quei beni di cui abbiamo bisogno, i famosi beni comuni. Il volontariato vuol dire, io credo, di fare politica, nell’affrontare insieme le problematiche della vita, della convivenza per trovare le strade migliori da seguire per risolverle, per migliorarle per camminare insieme. Sicuramente il volontarito diventa momento di incontro ma non semplicemente l’incontro rapido, sfuggevole  ma vuol dire fermarsi  e trovare le soluzioni.
Oggi abbiamo bisogno di volontariato di questo tipo.