Diadmingma

Il meeting per bambini e ragazzi

E i bambini al meeting? C’è un programma ricco di iniziative per loro!

Scopriranno, vivranno, sperimenteranno i Diritti+Umani: giocando, leggendo, camminando e divertendosi 

Sabato 8 settembre: Alle 17,30 camminiamo per l’Africa è una marcia di solidarietà per famiglie organizzata con Corri le Mura Corri, dove si incontreranno atmosfere africane tra le mura di Montagnana e dove si potranno sperimentare i giochi africani

La sera, alle ore 21,00 si balla in piazza a Montagnana e si far il giro del mondo con l’orchestra multietnica “Mosaika”

Domenica 9: DIRITTI + UMANI

  • piccoli e grandi raccoglitori di tappi potranno portare tutta la loro raccolta estiva direttamente al GMA
  • durante la giornata ci saranno giochi e laboratori per bambini di tutte le età: dalla lettura animata delle fiabe “A Marianeve” a giochi di movimento e animazione durante la giornata con l’associazione 100%
  • spettacolo teatrale per bambini con l’associazione Neverland Contaminazioni Culturali

Diadmingma

Il caporalato uccide, l’indifferenza pure

Ancora una strage di lavoratori, schiacciati non solo da lamiere accartocciate sulle strade italiane dopo aver raccolto pomodori per due euro l’ora ma dallo sfruttamento da parte di padroni, padrini e sfruttatori vari. Sono lavoratori uccisi dal bisogno, dalla disperazione, da un lavoro lasciato troppo spesso nelle mani del mercato criminale e dall’indifferenza. Ma anche dalle lacrime di coccodrillo di chi dopo ogni strage invoca controlli e (contro)riforme salvo riprecipitare nell’oblio dopo pochi giorni, per poi riparlarne alla strage successiva, dimenticando che nel nostro Paese vi è un morto sul lavoro ogni otto ore e due mila infortunati al giorno: quindi ogni giorno è strage. E ogni giorno aumenta la responsabilità di chi non vede, non sente, ma parla  quando si contano i morti. Solo nell’agricoltura sono 430 mila i lavoratori e le lavoratrici sfruttati, di cui 130 mila in condizioni paraschiavistiche. E poi c’è l’edilizia, i trasporti, i servizi etc.

Per questo non facciamo appello alle Istituzioni le quali conoscono i loro doveri e se non li adempiono ne risponderanno davanti a chi democraticamente li giudica e controlla. Vogliamo invece rivolgerci a uomini e donne di buona volontà che non vogliono chiudere gli occhi davanti a un prodotto sottocosto sul banco di un supermercato, dietro il quale c’è una filiera che inizia con il sangue di disperati, migranti e italiani. Chi produce, vende, compra, usa un tale prodotto è l’altro capo dello sfruttamento. E non può più rimanere indifferente.

Facciamo appello ad associazioni, sindacati, persone e organizzazioni che ogni giorno vivono e combattono la violazione di diritti umani, le mafie, il caporalato, la tratta e ne sopportano il peso, vedendo calare ogni anno l’indice di dignità e legalità, dunque di democrazia del Paese.

Non ci stancheremo di ripetere che lo sfruttamento del lavoro, il controllo del territorio e l’umiliazione della persona sono il terreno in cui nascono e crescono le mafie. Così come contro le mafie, non basta chiedere che tutte le istituzioni facciano la loro parte, ma è necessario che ciascuno di noi apra gli occhi e combatta collettivamente perché i diritti non vengano dopo i prezzi, le persone dopo i prodotti, gli interessi economici criminali e illegali prima del lavoro legale.

A questo appello, con idee e fatti,  si può aderire scrivendo a ilcaporalatouccide@gmail.com

 

Bruno Giordano, magistrato presso la corte di cassazione,

Marco Omizzolo, sociologo

Diadmingma

Mandiamoli a scuola: con il kit didattico

Ci prepariamo all’inizio dell’anno scolastico? abbiamo pensato ad un kit scuola utile a noi e ai nostri figli, e a loro perché promuove il diritto all’istruzione.

#MandiamoliaScuola! è un loro diritto, come lo è per i nostri figli! Ecco le scuole in costruzione quest’anno

Contattaci in sede, scopri come ricevere la borsetta con il materiale necessario per il primo giorno di scuola. Vedi qui i dettagli del kit scuola

Diadmingma

8 settembre Mosaika in concerto

L’orchestra Mosaika rappresenta la volontà di esprimere la potenza e la bellezza dei canti finlandesi, turchi, cubani, ballate di sapore balcanico, canti tradizionali della Guinea Bissau o sefarditi ; far risuonare i colori, i profumi, le sonorità e i volti del mondo. Un’iniziativa che dal 2013 promuove l’incontro e il dialogo creativo fra repertori delle più diverse tradizioni musicali.

Sabato 8 settembre 2018 in Piazza Vittorio Emanuele a Montagnana i Mosaika, Orchestra Multiculturale del Baldo- Garda aprirà il meeting dal tema: Diritti + Umani

Mosaika è un progetto nato dal desiderio dei maestri Marco Pasetto e Tommaso Castiglioni con l’Associazione Culturale BALDO festival, il Cestim di Verona, Rete Tante Tinte e l’Ufficio Stranieri dell’ASL 22 della Provincia di Verona con l’obbiettivo di riunire in un’unica orchestra persone provenienti da ogni parte del mondo: dalla Guinea Bissau alla Lapponia. Il risultato è che la musica è diventata strumento di dialogo tra le varie culture, cooperazione e momento di condivisione.

Il loro repertorio rispecchia l’eterogeneicità della formazione e quindi si ha l’opportunità di spaziare tra diversi generi: samba,salsa, canti e ballate tradizionali.

Sabato 8 settembre insieme si ballerà e si conosceranno altre culture.

Diadmingma

Scoppia la pace tra Etiopia ed Eritrea:

La dichiarazione di fine conflitto tra Etiopia ed Eritrea è  una notizia che ci riempie il cuore di speranza, per certi versi inattesa e ricca di incognite. Osserviamo speranzosi che i due paesi “fratelli” in cui operiamo da 46 anni tornino a dialogare per il bene della loro gente. La folla che ha spontaneamente riempito di festa le strade di Asmara, dimostra a tutto il mondo quanto la pace sia desiderata dalla gente comune. Sappiamo che sarà un percorso lungo e difficile, ma auguriamo a loro la buona volontà di continuare sul percorso di pace.” p. Vitale Vitali

http://www.nigrizia.it/notizia/etiopia-eritrea-arriva-il-dialogo-ma-a-singhiozzo

https://www.tpi.it/2018/07/09/eritrea-etiopia-accordo-storico/

La pace possibile tra Addis e Asmara