Humbo

Divolontario

Costruiamo un saponificio a Humbo

CONTESTO DI RIFERIMENTO
Il villaggio di Humbo Larena si trova nel sud dell’Etiopia, in Wolaita: la pratica tradizionale della monocoltura ha fortemente degradato il suolo, rendendo l’85% delle terre poco produttive per la produzione agricola. Questa situazione di degrado territoriale non permette alla comunità una stabilità economica, e costringe gli abitanti della kebele ad emigrare verso la città per poter lavorare e assicurare a se stessi, e alla propria famiglia, il necessario per poter sopravvivere.
L’ALOE E LA PRODUZIONE DI SAPONE
La coltivazione dell’aloe è una grande opportunità per lo sviluppo dell’economia rurale nel Sud dell’Etiopia. L’aloe cresce spontaneamente e rappresenta una pianta ornamentale e medicamentosa importante. La coltivazione di aloe e la produzione di sapone sono un’opportunità per introdurre nuove fonti di reddito, grazie alla vendita sul mercato locale di saponi, valorizzando una pianta autoctona che si adatta particolarmente bene anche a periodi di siccità. La produzione di saponi può caratterizzare un’esperienza pilota nella zona. L’introduzione del saponificio risponde ad una domanda crescente in città di Soddo ed è funzionale alla diffusione di buone pratiche sanitarie nei villaggi.
OBIETTIVI E BENEFICIARI DEL PROGETTO
Il progetto ha l’obiettivo di introdurre una nuova economia locale valorizzando una risorsa autoctona: l’aloe. Le prime beneficiarie del progetto saranno 20 socie della cooperativa, alle quali verranno insegnate le metodologie e le tecniche di produzione di sapone seguendo modelli già esistenti nel territorio.
ATTIVITA’ PREVISTE
Le socie della cooperativa di Humbo parteciperanno ad una formazione specifica  per la produzione di sapone con esperti locali. Si avvierà la costruzione dell’edificio nel compound della sala multiuso. Il saponificio sarà costituito da un blocco unico, suddiviso in 4 aree di lavoro. E’ prevista l’installazione di un sistema di raccolta dell’acqua piovana, per facilitarne il reperimento finalizzato alla produzione di sapone.
La formazione delle socie e la costruzione dell’edificio avrà un costo complessivo di 21.300,00 €.
Diadmingma

Humbo: un villaggio sulla strada dello sviluppo

La cooperativa nel villaggio di Humbo è il primo passo per nuove attività promotrici di sviluppo. 

A sostegno della sicurezza alimentare sono stati assegnati animali alle famiglie più povere, mentre le socie della cooperativa hanno avviato nuove coltivazioni nel terreno della nuova sala multiuso. 

La microimprenditoria femminile sta portando tante nuove opportunità…

Diadmingma

Il diritto all’istruzione diventa realtà

Nel villaggio di Humbo l'asilo-fidel è ora realtà...

 

In molti ci hanno sostenuto, in tanti ci hanno creduto… la campagna #mandiamoliascuola ha portato grandi risultati con la costruzione nel 2017 di 5 edifici scolastici!

La solidarietà ora ha trovato la sua destinazione tra i bambini del villaggio di humbo… oggi impegnati a imparare l’alfabeto latino!

Grazie a chi ci ha sostenuto, a chi tutti i mesi sostiene il villaggio di Humbo, alle aziende che come #Inoxriv SpA e #TecnoaziendaSrl hanno scelto di fare della solidarietà internazionale la loro Responsabilità Sociale d’Impresa!

Diadmingma

L’asilo fidel di Humbo è realtà

Ogni giorno una sorpresa, ogni giorno immagini diverse, ogni giorno volti e sorrisi nuovi. 

Sono questi i risultati più belli di una missione. Maria Boggian, vicepresidente di GMA è in Etiopia dal 25 ottobre, ha accompagnato gruppi, ha visitato villaggi nuovi e villaggi che da anni sono affiancati da GMA.

Visitare il villaggio di Humbo oggi è un’immensa soddisfazione: Maria ha visto la forza di centinaia di persone che hanno sostenuto non una causa, ma un diritto. In corrispondenza di ogni azione di solidarietà oggi c’è un bambino che ha il diritto alla scolarizzazione garantito nel proprio villaggio.

[foogallery id=”11950″]

Perché è così importante sostenere l’asilo fidel di Humbo?
Perché prepara i bambini, anche i più grandi, alla scuola primaria. I bambini nei villaggi crescono con una priorità:  aiutare in famiglia, recuperando l’acqua e accudendo gli animali, la scuola quindi, se non è facilmente accessibile, diventa un privilegio. Disporre di un fidel per l’alfabetizzazione nel villaggio facilita la scolarizzazione, riduce altamente le probabilità di insuccesso e abbandono scolastico, previene il rischio della vita di strada e di sfruttamento e traffico di minori…

Sostenere un banco produce un effetto domino positivo… ecco perché continuiamo con la campagna#mandiamoliaScuola. Sono migliaia i bambini che non hanno garantito il diritto all’istruzione

Diadmingma

Costruzione Asilo-Fidel a Humbo

copertina Humbo


Istruzione nel villaggio

Tre anni fa il kebele ha iniziato ad insegnare l’alfabeto in un piccolo edificio costruito temporaneamente, tuttavia la costruzione si è deteriorata e i genitori hanno preferito non mandare più i bambini a scuola, quindi le attività sono state interrotte.


Obiettivi della proposta

L’obiettivo del progetto consiste nell’accrescere il tasso di alfabetizzazione della zona della cittadina e aumentare la sicurezza dei bambini con la costruzione di un asilo/fidel. I bambini beneficeranno del fatto di essere in un ambiente protetto, lontano da fattori di rischio, come il traffico o il lavoro minorile. Se i bambini restano a casa sono costretti a seguire gli animali al pascolo, a raccogliere l’acqua a lunghe distanze, e per questo rischiano di essere aggrediti da animali randagi perché a volte i bambini dormono per le strade. Quindi la realizzazione del fidel contribuisce alla sicurezza dei bambini.


Destinatari

Il numero dei bambini analfabeti che avranno accesso all’asilo/fidel è 150, di età diverse a partire dai 6 anni.


Caratteristiche dell’opera

La costruzione dell’edificio scolastico prevede la realizzazione di 5 stanze:

  • 3 aule
  • 1 ufficio per insegnanti
  • 1 archivio/magazzino
L’edificio sarà realizzato in cika (fango e paglia) come è consuetudine fare in Etiopia per questo tipo di scuola. L’edificio ospiterà 150 bambini. Si intende poi finanziare l’arredo con i BANCHI, cattedre, sedie, armadi e lavagne.

[foogallery id=”11950″]