Olola

Diadmingma

Un nuovo negozio nel villaggio di Olola

COSA VOGLIAMO FARE

Vogliamo migliorare l’economia nel villaggio di Olola e garantire un servizio agli abitanti locali. Lo faremo costruendo un  un negozio per la vendita di beni di prima necessità: è una nuova attività economica per la cooperativa e per l’intera comunità.

In particolare sarà possibile:

  • Promuovere l’economia locale;
  • Calmierare i prezzi dei beni di prima necessità (zucchero, olio, farina);

PERCHE' E' IMPORTANTE

Costruiremo un negozio che fornirà il villaggio di beni di prima necessità come olio, zucchero, sale e farina, ma anche sapone, coperte ed altri beni fondamentali.

Alcuni di questi prodotti (es. olio e zucchero) sono monopolio di stato e vengono forniti al negozio direttamente dalle competenti autorità locali. Questi prodotti vengono quindi rivenduti alla comunità locale ad un prezzo calmierato, dando la possibilità alle persone del villaggio di comprarli senza dover percorrere diverse ore di cammino per recarsi in città o in villaggi più grandi, risparmiando così ore e anche denaro, in quanto i costi sono controllati ed accessibili a tutti.

La cooperativa di Ololà è una cooperativa mista composta da 100 soci, dedita al microcredito e ad attività generatrici di reddito che vengono portate avanti a livello individuale e di gruppo.

Il negozio rappresenterà inoltre una possibilità di impiego per 4 o 5 soci che si alterneranno nella gestione.

[siteorigin_widget class=”FooGallery_Widget”][/siteorigin_widget]

COSTO PREVISTO

15.000 €

[siteorigin_widget class=”SiteOrigin_Widget_Button_Widget”][/siteorigin_widget]
Diadmingma

Olola: la storia del villaggio in immagini

Cosa abbiamo fatto nel villaggio di Ololà dal 2013 fino ad oggi:

  • Avvio cooperativa,
  • costruzione di una Sala Multiuso,
  • promozione microfinanza
  • costruzione di un impianto idrico
  • costruzione e avvio di una caffetteria come attività generatrice di reddito
  • fornitura di carretti per il trasporto
  • riabilitazione di un blocco scolastico
  • costruzione di un ponte
  • acquisto di buoi per promuovere l’agricoltura locale
  • completamento impianto idrico
  • Biblioteca
  • Negozio per vendita beni di prima necessità

[foogallery id=”11945″]

Diadmingma

Acqua pulita a Olola

OLYMPUS DIGITAL CAMERA


Contesto di riferimento

Il villaggio è situato nella zona del Wolayta, Woreda (provincia) di Damot Pulasa e dista circa 370 km da Addis Abeba. La popolazione è di circa 6000 abitanti. Le piogge irregolari e spesso scarse determinano raccolti molte volte insufficienti e frequenti crisi alimentari. L’approvvigionamento idrico è critico. Molti degli abitanti del villaggio percorrono anche 6 km al giorno per la raccolta dell’acqua, oppure riversano su soluzioni alternative (pioggia e pozzanghere) per reperire acqua. Allo stato attuale quindi solo il 7,69 % della popolazione ha accesso a fonti protette e ad acqua potabile.


Obiettivi

Promuoviamo l’accesso all’acqua pulita per i 6000 abitanti del villaggio. Consentendo anche l’introduzione di nuove norme igieniche, di cui beneficeranno soprattutto donne e bambini, che sono i primi a risentire di malattie legate alla penuria d’acqua e all’acqua sporca.


Descrizione Attività

A) Riabilitazione della condotta di adduzione

B) Estensione del servizio di distribuzione: si prevede di migliorare la captazione dell’acqua alla fonte per incrementare la quantità d’acqua a disposizione del villaggio, con la creazione di 4 nuovi punti di distribuzione disposti lungo un percorso di circa 1500 m, e la costruzione di un serbatoio di 50 m³ che funga da riserva giornaliera per far fronte ai picchi di prelievo.

Uno dei punti di distribuzione verrà posizionato in quella che potrebbe definirsi la “piazza” di Ololà andando a servire anche la clinica, distante pochi metri. La scuola di Ololà, attualmente sprovvista di acqua, avrebbe un punto di distribuzione proprio, che servirebbe esclusivamente la popolazione scolastica (1841 studenti e 28 insegnanti). Il punto acqua verrebbe posizionato non lontano dalle latrine, migliorando la situazione igienico sanitaria dei bambini; tra le ragazze in particolare si registrerebbe un calo significativo degli abbandoni, poiché non sarebbero più costrette a lunghi tragitti per prendere acqua.

 

Scarica Progetto