Wallacia

Byadmingma

Banca delle sementi a Wallacia

OLYMPUS DIGITAL CAMERA


Contesto di riferimento

L’agricoltura di sussistenza e l’allevamento sono le voci principali dell’economia etiope, in particolar modo nel sud del paese, in Wolaita (regione dell’Etiopia), dove gli abitanti della zona rurale più popolosa del paese, sono per lo più agricoltori e vivono in condizione di dipendenza dalle coltivazioni e dall’allevamento di bestiame. Lo sfruttamento del terreno, l’aridità della zona e la mancanza di una diversificazione nella produzione agricola causano l’impoverimento del terreno. La produttività della terra sta diminuendo nel tempo anche a causa dell’assenza di sementi migliori e più resistenti. Questa instabilità delle produzioni, troppo spesso legate alla stagionalità delle piogge, rendono le condizioni di vita dei contadini precarie; la produzione è legata alla sussistenza e non vi è surplus di produzione da destinare al mercato come fonte di reddito. Molto spesso gli agricoltori lavorano unicamente per la sopravvivenza e non possono permettersi investimenti di alcun tipo, né in ambito lavorativo, né per garantire un’istruzione superiore ai figli. Inoltre, non avendo una produzione variegata, non sono in grado di garantire una dieta equilibrata e bilanciata per bambini, donne incinte e madri in fase di allattamento, in perenne lotta contro la fame.


Obiettivi

La proposta consiste nella costruzione di una “banca dei semi” con negozio annesso. Dopo l’allestimento delle infrastrutture, la cooperativa già esistente in Wallacia potrà moltiplicare la varietà di semi e il loro rendimento. I semi migliorati potranno essere venduti e distribuiti  agli agricoltori locali e a tutti i membri della cooperativa ad un prezzo accessibile, rispondendo così ad una domanda del mercato locale senza penalizzare gli agricoltori con prezzi troppo elevati legati ai problemi di trasporto. La banca potrà risolvere il problema della bassa produttività e la scarsità di cibo.


Descrizione Attività

La banca sarà collocata in un’area di tre ettari di terra, destinata alla coltivazione, alla sperimentazione e alla moltiplicazione del rendimento di semi, frutta, tuberi e alberi. Dopo la prima fase di produzione e moltiplicazione, questi semi saranno pesati e confezionati, consegnati alla distribuzione per i membri e agricoltori locali ad un prezzo accessibile. Il prezzo delle colture verrà deciso dai membri della cooperativa; durante la vendita, i membri avranno accesso al credito e i non membri acquisteranno in denaro contante.


 

Scarica Progetto

Byadmingma

Sviluppo a Wallacia

SALA-MULTIUSO


Contesto di riferimento

Il villaggio di Wallacia, é situato nella regione Wolaita, dista circa 360 km a sud di Addis Abeba (capitale dell’Etiopia) e 20 km da Soddo. È situato a 1800 metri di altezza e ha un clima prevalentemente buono, anche se talvolta un po’ caldo; la popolazione conta 3473 abitanti, mentre l’intero distretto circa 12.000. Gli abitanti sono di etnia wolayta; il 35% professano la religione ortodossa, il 35% cattolica e il rimanente 30% protestante. L’agricoltura, rappresenta l’80% dell’attività locale, produce mais, cotone, patate dolci, fagioli, ceci, berberè, tief, sorgo e ciat. Ogni famiglia dispone di un fazzoletto di terra per sopravvivere; si realizza un solo raccolto l’anno.  L’allevamento (10%) comprende bovini, ovini e caprini, asini e cavalli. Il commercio occupa solo il 10% della popolazione. Fino a poco tempo fa l’alfabetizzazione raggiungeva solo il 15% della popolazione perché il punto scolastico più vicino (scuola elementare e media) si trovava a Shanto che dista 8 km.  Con la presenza di GMA è stata costruita una scuola. Situazione idrica e sanitaria: Fino al 2012 tutta la zona soffriva di mancanza d’acqua generalizzata. L’unica fonte sicura di acqua potabile per il villaggio era un pozzo che si trova nel comprensorio della Chiesa Cattolica di Walaccia. A causa della mancanza di acqua potabile la comunità attingeva acqua da sorgenti non protette percorrendo distanze che richiedono più di un‘ora per raggiungerle. Ora l’impianto idrico è stato riabilitato, l’accesso all’acqua è garantito a tutti gli abitanti del villaggio. Infrastrutture: Solo il 20% della gente vive in abitazioni tradizionali locali (tucul) realizzate in fango e paglia, mentre l’80% ora vive in case in fango (cica) con il tetto in lamiera: questa tipologia di abitazione evidenzia l’influenza della vicina città di Saula. Nel villaggio esiste la corrente elettrica. Nel villaggio esiste una cooperativa di donne, le quali partendo dalla microfinanza, hanno avviato attività generatrici di reddito, portando beneficio all’intero villaggio.


Obiettivi:

Migliorare le condizioni di vita della gente del villaggio nel settore idrico e attraverso la formazione e facendo leva su forme tradizionali di risparmio e credito e coesione sociale.
Attività svolte nel villaggio:

  • promozione attività generatrici di reddito
  • costruzione di una scuola
  • riabilitazione impianto idrico e sua estensione
  • costruzione di un asilo

 

Scarica Progetto