Febbraio 2021

Dioperatore-sede-gma

Ciclo di Incontri: ACQUA, SOSTENIBILITÀ E AMBIENTE

“DALL’ACQUA STORIE di LUOGHI, di PERSONE e dei LORO CAMBIAMENTI”

Nel primo incontro l’autore Alessandro Tasinato dialoga con p. Vitale Vitali, presidente di GMA, e la sindaco di Montagnana Loredana Borghesan. Partendo dalle pagine del libro “Il fiume sono Io” si racconta la storia del territorio del Basso Padovano, le sue risorse, l’inquinamento e i cambiamenti degli ultimi 40 anni, per individuare bisogni e nuovi progetti per la comunità.

“ACQUA, AGRICOLTURA e USO DEL SUOLO in VENETO”

Perno del secondo incontro è una lettura dello stato di salute territorio Veneto oggi e tra dieci anni. Grazie agli interventi dell’ ingegnere Giuseppe Gasparetto, del professore Pietro Teatini, e del dottor Luigi De Lucchi si affrontano i temi della gestione di rete delle acque, uso del suolo, qualità dell’acqua, agricoltura e soprattutto sostenibilità.

“ACQUA, DIRITTI e BENESSERE: la rappresentazione del nostro territorio”

Protagonisti del terzo incontro la dottoressa Giulia Andrian e il Comitato Mamme NoPfas.

“ACQUA, CITTADINANZA E TERRITORIO: dai comportamenti alla sostenibilità”

In questo ultimo incontro affrontiamo la domanda: cosa possiamo fare noi cittadini per preservare al meglio le nostre risorse naturali? Tra scelte individuali e di comunità possiamo essere consumatori consapevoli e responsabili!

Ne parliamo con: Tiziana Toto di Cittadinanzattiva, Massimo Bressan, presidente Coldiretti Padova, Cristina Guarda, consigliera regionale e p. Vitale Vitali, presidente GMA.

Compila il questionario finale del progetto “Le città e la gestione sostenibile dell’acqua e delle risorse naturali”: il tuo parere ci aiuterà a valutare i risultati raggiunti e migliorare le nostre iniziative in futuro. https://forms.gle/r7f5sqNUV6ruumPB7

Dioperatore-sede-gma

Ciclo di Incontri: ACQUA, SOSTENIBILITÀ E AMBIENTE

Ciclo di Webinar

ACQUA, SOSTENIBILITÀ E AMBIENTE

Giovedì alle ore 18.00

Inizia un ciclo di incontri dedicato all’acqua, e all’uso sostenibile delle risorse naturali in Veneto rivolto alla cittadinanza.

A partire da giovedì 25 febbraio si svolgerà online una serie di 4 incontri settimanali dedicati al tema dell’acqua nel territorio Veneto, in preparazione alla Giornata Mondiale dell’Acqua. Un’occasione per dialogare con i diversi attori che sono impegnati nel settore idrico, chi nell’ambito della gestione, chi nell’educazione e amministratori: ognuno col proprio ruolo, tutti sono impegnati per garantire un diritto essenziale e promuovere un uso sostenibile di questa risorsa preziosa. È un’occasione per conoscere lo stato di salute idrico del territorio Veneto, in particolare basso Veneto, informare e responsabilizzare ad un uso più consapevole e sostenibile delle risorse naturali.

Il ciclo di incontri online nasce nell’ambito del progetto “Acqua, Ambiente e Sostenibilità” finanziato dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS) e che coinvolge oltre alla regione Veneto, il Friuli Venezia Giulia, la Lombardia e la Sicilia.
In collaborazione con GMA (Gruppo Missioni Africa), un tavolo di associazioni di Montagnana (MéCA, Comitato Zero PFAS Montagnana, Corri le Mura Corri e Cicloamatori e Montagnana a colori) hanno così pensato di promuovere un dialogo aperto a questo tema coinvolgendo diversi gruppi di interesse.

Diversi relatori arricchiranno gli incontri con esperienze, riflessioni e progetti.
Nel primo incontro di giovedì 25 febbraio, l’autore Alessandro Tasinato dialogherà con p. Vitale Vitali presidente di GMA e la sindaco di Montagnana Loredana Borghesan. Partendo dalle pagine del libro “Il fiume sono Io” si racconterà la storia del territorio del Basso Padovano, le sue risorse, l’inquinamento e i cambiamenti degli ultimi 40 anni, per individuare bisogni e nuovi progetti per la comunità.

Seguiranno:
giovedì 4 marzo: ACQUA, AGRICOLTURA e USO DEL SUOLO in VENETO
giovedì 11 marzo: ACQUA, DIRITTI e BENESSERE: la rappresentazione del nostro territorio
giovedì 18 marzo: ACQUA, CITTADINANZA E TERRITORIO: dai comportamenti alla sostenibilità

Gli incontri inizieranno alle ore 18:00, e sarà possibili seguirli sulle pagine Facebook e YouTube di GMA: @GMAonlus, https://www.facebook.com/GMAGruppoMissioniAfrica
https://www.youtube.com/user/GMAOnlus

Dioperatore-sede-gma

Sala multiuso e magazzino per Bolola Chewcare

CONTESTO DI RIFERIMENTO

Il villaggio di Bolola Chewcare è una kebele (municipalità) della provincia di Damot Sore nella regione Wolayta, a 25 km dalla città di Soddo e circa 375 km da Addis Abeba, la capitale dell’Etiopia.

Come per la maggior parte delle comunità rurali d’Etiopia il settore principale dell’economia di Bolola Chewcare è l’agricoltura, che impiega il 97 % della popolazione. La pratica della zona è l’agricoltura mista, che comprende produzione agricola e allevamento domestico di pecore, capre, bovini e pollame. Le colture più comuni sono mais, legumi, radici, frutta e verdura, l’agricoltura è legata all’andamento e alla stagionalità delle piogge. Le attività extra agricole sono in secondo piano e sono limitate a servizi e al piccolo commercio.

L’Etiopia è un paese con un’economia in forte crescita pur rimanendo tra i più poveri al mondo: ricchezza e sviluppo si concentrano nelle mani di pochi e nei maggiori centri urbani del paese, e questo fa sì che nelle zone rurali povertà e mancanza di accesso ai servizi di base siano ancora un problema molto grave per la maggior parte della popolazione.

Nelle aree rurali del Wolayta e nel villaggio di Bolola Chewcare, l’economia dipende in grandissima parte dall’agricoltura (circa 90%), un’agricoltura di sussistenza, senza le adeguate tecniche e strumenti tecnologici, dipendente in gran parte delle piogge e che quindi non è spesso in grado di far fronte al fabbisogno famigliare.

Un altro grosso problema che l’Etiopia ancora oggi deve affrontare e che influisce negativamente sullo sviluppo economico del Paese, ma non solo, è quello legato alle disparità di genere. Nonostante il Governo abbia attuato numerose politiche nazionali su questo tema, sono principalmente donne e ragazze che patiscono la fame. Le donne lavorano la terra, coltivano (il 70% della produzione di cibo dipende dalle mani delle donne), ma non hanno accesso al credito agricolo.

ATTIVITÀ

Le attività previste sono:

• Formazione e tutoring microfinanza con animatori appartenenti alla comunità;

• Costruzione di una sala multiuso con un salone per gli incontri settimanali, le attività di risparmio e di formazione, un negozio e magazzino per prodotti d’artigianato e manufatti destinati al piccolo commercio.

Durata prevista del progetto: 1 anno (da gennaio 2021 a giugno 2022)

OBIETTIVI

Lo scopo del progetto è quello di contribuire a migliorare le condizioni di vita della popolazione nel villaggio partendo dall’economia femminile e dalla diffusione di buone pratiche a livello familiare.

Gli obiettivi specifici si propongono di:

• Migliorare la condizione delle donne, in particolare delle giovani madri, attraverso un percorso di formazione e crescita economica e professionale che garantisca loro autonomia con l’avvio di attività generatrici di reddito.

• Garantire la sicurezza alimentare anche in caso di siccità e carestia con la costruzione di infrastrutture per la conservazione e trasformazione dei raccolti.

• Promuovere l’accesso all’acqua, migliorando le condizioni di salute ed eliminando i pericoli e i tempi legati all’approvvigionamento di acqua.

BENEFICIARI

I beneficiari dell’intervento sono:

• 60 donne della cooperativa di micro-credito che potranno migliorare le proprie condizioni di vita e quelle della propria famiglia.

• 1400 abitanti del villaggio di Bolola Chewcare che beneficeranno degli ambienti della sala multiuso e dell’attività di vendita annessa.

• 200 persone beneficiarie della formazione, tra soci della cooperativa, leader di comunità, rappresentanti amministrazione.

• 100 famiglie otterranno capi animali per far fronte all’insicurezza alimentare.