Aprile 2021

Dioperatore-sede-gma

La scuola di Mayo Koyo

La scuola di Mayo Koyo ora è completa e operativa!

Realizzata in pochi mesi, nonostante le difficoltà del periodo, già ospita più di 300 giovani studenti fino all’ottava classe.

Due nuovi edifici blu che affiancano la vecchia scuola: uno con quattro classi per garantire il diritto allo studio a tutti i giovani del villaggio e il secondo edificio sarà adibito a biblioteca, perché tutti abbiano a disposizione un libro per studiare.

Ora dobbiamo arredare la biblioteca!

Se i bambini possono andare a scuola, senza dover percorrere lunghe distanze, hanno garantito un diritto senza dover rinunciare ad aiutare la famiglia con lavoretti in campagna o occupandosi degli animali o del reperimento dell’acqua e della legna. Crescono così nel loro villaggio, che li tutela dai pericoli della vita in città. Voi avete permesso che la scuola diventasse realtà. Che il diritto all’istruzione prevalga sulla spericolata ricerca di fortuna in città.

Dioperatore-sede-gma

Disponibile il notiziario di GMA!

È disponibile il notiziario di GMA:
nel nuovo numero parliamo di Eritrea ricordando Padre Agostino, i progetti nati grazie a lui e come continuano oggi per di rendere il mondo un posto migliore.

Dioperatore-sede-gma

La scuola di Bossa Kacha

La scuola di Bossa Kacha ora è completa e operativa!

Realizzata in pochi mesi, nonostante le difficoltà del periodo, già ospita più di 500 giovani studenti fino all’ottava classe. Due nuovi edifici blu che affiancano la vecchia scuola: due strutture con quattro classi ciascuna per garantire il diritto allo studio a tutti i giovani del villaggio. I nuovi edifici sono il nuovo tesoro del villaggio: qui impareranno a leggere e scrivere i piccoli cittadini del villaggio.

Arredato con banchi e scrivanie realizzate da artigiani locali, ha aperto a novembre 2020 cercando di mantenere nuove regole che tutelino i ragazzi dal Covid. Distanziamento, lavaggio mani prima di entrare in classe, grazie a delle taniche disponibili all’ingresso della scuola.

Una nuova scuola nel villaggio è la prima prevenzione alla vita di strada, e garantisce il diritto essenziale all’istruzione.

Dioperatore-sede-gma

Vincitori del concorso Buone Pratiche di Comportamento Sostenibile

Ecco i vincitori del premio del concorso, che è stato diviso per le tre tipologie di partecipazione:
– Scuole secondarie
– Scuole primarie
– Gruppi e associazioni

I vincitori hanno saputo personalizzare il mandato del concorso, offrendo diversi spunti di approfondimento, interpretazioni e proposte. Ecco perché sono stati premiati:

ISS JACOPO DA MONTAGNANA
Creatività e Approfondimento hanno caratterizzato i loro lavori.

Le ricerche effettuate dalla classe 2DE hanno offerto diversi spunti di riflessione e hanno saputo dimostrare la connessione tra sostenibilità, inquinamento ed economia circolare. Il lavoro di approfondimento costituisce un presupposto alle buone pratiche: è il primo promuovere per promuovere azioni concrete di cittadinanza. La proposta della classe 5AA è un’ottima azione promozionale per una cittadinanza consapevole. Con sintesi, creatività e un linguaggio innovativo hanno saputo inquadrare il
tema focale, coinvolgere l’osservatore e renderlo protagonista e offrire uno sguardo di prospettiva. Le proposte sono complementari.


ex- aequo SCUOLA PRIMARIA DE AMICIS – SCUOLA PRIMARIA ED. SAN BENEDETTO
Creatività e uso degli strumenti ci hanno sorpreso!

SCUOLA PRIMARIA DE AMICIS: Grazie delle proposte di riciclo che ci hanno offerto: fantasia, lavoro di squadra e cura dell’ambiente hanno caratterizzato la loro proposta. La replicabilità delle buone pratiche era uno degli elementi principali di questo concorso e hanno saputo coglierlo pienamente.
SCUOLA PRIMARIA SAN BENEDETTO: Hanno saputo offrire consigli, suggerimenti e scene di vita sostenibile personalizzando tutti i disegni. Complimenti per l’originalità degli elaborati artistici, per i dialoghi proposti e la cura dei dettagli. Si vede quanto amore hanno messo e quanto la disponibilità di acqua pulita sia un tema a loro caro.


COOPERATIVA SOCIALE CRESCERE INSIEME
Simpatia, colore e originalità hanno caratterizzato le loro proposte.

Acqua bene comune: L’acqua è un bene comune e tutti ci impegniamo per conservarla e apprezzarla. Dalle loro proposte emerge la forza del lavoro di gruppo, dove tutti sono protagonisti e possono fare la propria parte. I lavori creativi con materiale biodegradabile e la proposta di un video tutorial sull’uso dell’acqua offrono un messaggio importante di inclusione, rispetto degli altri e dell’ambiente.

Dioperatore-sede-gma

Il villaggio di Warbira

Warbira è un villaggio distante una ventina di chilometri da Soddo, lontana quindi dalla città e dalle sue possibilità di mercato. La cooperativa del villaggio è particolarmente attiva, il mulino e il punto ristoro lavorano efficacemente: le donne sanno di poter trovare al mulino il servizio necessario e le farine indispensabili per garantire il cibo alla propria famiglia, evitando così ore di viaggio con sacchi pesanti sulle spalle. Quando il mulino non funzionava, era un dramma soprattutto per le donne più anziane e le donne incinte.

Le attività della cooperativa di Warbira sono particolarmente apprezzate nel villaggio. La caffetteria, realizzata anni fa con il vostro aiuto, offre servizio ai funzionari dell’amministrazione, il personale scolastico ed a coloro che arrivano al “punto salute” del villaggio. Il mulino, poi, è un’importante attività per i soci della cooperativa, dalla quale possono ottenere del guadagno e rendere un servizio alla comunità. L’intera economia del villaggio può migliorare se c’è un mulino che garantisce la lavorazione dei prodotti agricoli e la vendita di farine e spezie. In questi mesi li abbiamo sostenuti affinché tutto fosse operativo nel villaggio, senza dover dipendere dall’economia della città.

Ma il 2020 ha riservato tante sfide: il villaggio di Warbira ha risentito della siccità che quest’anno ha colpito il Corno d’Africa, che insieme all’invasione di cavallette e alle limitazioni di spostamento per prevenire il Covid ha spossato la popolazione locale. Per questo, su richiesta dell’amministrazione locale abbiamo distribuito animali per permettere alla gente di far fronte alla carestia. GMA ha consegnato 190 pecore ad altrettante famiglie in difficoltà. In queste settimane consegneremo una pecora a 30 donne capofamiglia segnalate dall’amministrazione locale.