gma onlus

Diadmingma

#HAPPYDAY a GMA onlus

[youtube id=”2cz8gH3nOP8″ width=”600″ height=”350″]

La vita con GMA è Happy!

Il gruppo giovani ha realizzato un video sulle note di Pharrell Williams.

 

Diadmingma

Assemblea Soci GMA – 15 e 16 Marzo

Cari Soci,
siamo lieti di invitarvi al nostro consueto appuntamento dell’Assemblea Soci di Marzo.

Un appuntamento importante, che ogni anno diventa il tavolo di discussione delle nuove proposte, il momento in cui, con un po’ di calma, possiamo confrontarci sulle novità da costruire insieme.
L’anno scorso, proprio durante questa Assemblea abbiamo fatto un’importante attività di autocritica, per capire insieme quali strade seguire per “rigenerare” GMA. Oggi, dopo un anno di lavoro, abbiamo sperimentato nuove vie, riscontrato i primi risultati positivi… ma non ci stanchiamo di guardarci in giro per capire il contesto che sta intorno a noi, in continuo cambiamento.
Ecco perché per il prossimo marzo, dopo il focus dell’anno scorso sulle nostre attività in Italia, vorremmo proporre un approfondimento sui paesi in cui operiamo, osservandone i cambiamenti per poter agire meglio, anche nelle molteplici difficoltà di Eritrea ed Etiopia.
Vogliamo inoltre dedicare dello spazio alla nostra formazione, quindi domenica mattina vi proponiamo un approfondimento con Guido Barbera, Presidente CIPSI, che ci aiuterà a capire come i concetti cardine che ci hanno guidato in tutti questi anni stiano cambiando: cooperazione, solidarietà, volontariato, cittadinanza, gratuità, responsabilità… Solleviamo lo sguardo dalla nostra quotidianità… per capire come percorrere nuove strade!

Diamo spazio alle riflessioni e vediamo quali novità hanno segnato il 2013 e l’inizio del 2014: abbiamo svolto un cammino interessante!
Abbiamo sperimentato nuove modalità di raccolta fondi (asta, cene, bomboniere solidali, partecipazione ad eventi territoriali con banchetti informativi…).
Grazie al lavoro nelle scuole, l’attività con stagisti e nuovi volontari, si è formato un nuovo gruppo di giovani, con nuovi approcci di lavoro e un nuovo entusiasmo nell’affiancarci.
Abbiamo intrapreso un nuovo percorso: come il mondo intorno a noi sta cambiando, anche GMA sperimenta nuovi modi di operare! In questa assemblea… cercheremo di condividerli!

P. Vitale Vitali e Maria Boggian

Programma Assemblea

Sabato 15 marzo 2014 ore 15.30 inizio assemblea nel teatro dell’Ist. Sacchieri:

  1. breve sintesi del verbale della precedente Assemblea;
  2. relazione del Presidente;
  3. Eritrea: approfondimento contesto paese e proposte operative;
  4. nuove proposte operative in Etiopia per le cooperative;
  5. esamina documenti preparativi bozza bilancio-situazione economico finanziaria al 31/12/2013 e previsioni 2014;
  6. varie ed eventuali.

Ore 19.30 Cena con le nostre famiglie presso l’Istituto Sacchieri. 

Domenica 16 Marzo 2014 

ore 9.30 Santa Messa nella chiesetta dell’Istituto Sacchieri

ore 10.30 momento formativo con Guido Barbera, presidente Cipsi rivolto a:

Gruppo GMA – soci e rappresentanti territoriali

Gruppo Famiglie Adottive

Gruppo Giovani

– Dibattito

– Pianificazione attività Italia

– Calendario formazione

– Meeting

– Incontri Territoriali 

ore 13.15 pranzo con le nostre famiglie presso l’Istituto Sacchieri.

 

Diadmingma

Formazione DONNA

8 Marzo – Festa della DONNA

La situazione delle donne e giovani madri nel Corno d’Africa è ancora difficile. Molte di loro sono costrette ad occuparsi solo della cura dei più piccoli e della casa, togliendo tempo per la loro formazione.
La formazione di una donna è il cardine delle attività per GMA onlus, che ha deciso di dedicare il 2014 – Anno della Formazione.

Le donne Eritree sono poste al livello più basso delle strutture sociali, economiche e politiche. L’alfabetizzazione femminile è solo del 47% mentre quella maschile è del 70%. Perciò le donne sono finanziariamente e socialmente meno indipendenti.
Sul fronte della salute, le donne affrontano molti problemi, come la mortalità da parto e infantile, gravidanze successive, aborti pericolosi, FMG (mutilazione genitale femminile), STI (malattie trasmesse sessualmente), HIV/AIDS, e hanno poca conoscenza di come alimentare i loro bambini o di come trattarne le malattie, per cui arrivano spesso all’ambulatorio quando la malattia ha già raggiunto uno stadio critico.
A casa le giovani mamme conoscono poco le norme d’igiene personale ed ambientale e l’economia domestica, mentre sono molto impegnate in casa e fuori casa per procurarsi i mezzi di sopravvivenza  a causa dell’assenza dei loro mariti.
Le Figlie di S. Anna hanno una lunga e comprovata esperienza nella gestione di ambulatori e di programmi di promozione della donna: esse conoscono i bisogni delle donne e sanno quanto è urgente fare qualcosa per alleviare la loro vita.

L’organizzazione di corsi ha molteplici obiettivi:

  • Prendere coscienza delle malattie trasmissibili sessualmente ed ad alto rischio, come HIV/AIDS/ST;
  • Affrontare i problemi legati alle gravidanze, prima e dopo i parti;
  • Prendersi cura in modo appropriato di neonati e bambini;
  • Imparare i principi base dell’igiene personale ed ambientale;
  • Migliorare l’abilità di casalinghe apprendendo a rammendare, cucinare e a conservare gli alimenti, diminuiranno i rischi di contagio da malattie infettive; di mortalità materna e neonatale; di malattie (diarrea, verminosi) dovute alla scarsa igiene e la qualità della vita nel villaggio migliorerà.


La testimonianza A. SABA TEKLAY che forma le donne dei corsi:

“Anche io come donna ritengo che queste madri abbiano davvero avuto un’opportunità che permetterà loro di avere un radicale cambiamento di vita. Si apre per loro, un nuovo orizzonte più sereno e sicuro, anche se più impegnativo.

Per esempio: già la loro apertura reciproca, i loro modi di presentarsi, di vestirsi, di parlare, la loro partecipazione e il rapporto affettuoso che circolava tra di loro, sono dei punti evidenti e segni della loro vittoria sull’isolamento e la chiusura. Sono perciò piccoli passi di rinascita che veramente danno gioia e ci invogliano a risvegliare la vita e le potenzialità di tante altre che attendono questa fortuna.”


Per sostenre la #formazione di una #donna bastano 150 euro        [button color=”red” size=”small” link=”https://www.gmagma.org/donazioni/” target=””]DONA ORA[/button]
Per costruire un futuro migliore per Lei e per la sua famiglia.

Diadmingma

OGNI BAMBINO CONTA… ovunque egli nasca!

#Diritto all’#infanzia.

La Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia fu approvata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 20 novembre 1989. In essa sono contenuti gli obblighi degli Stati e della comunità internazionale nei confronti dell’infanzia.
La convenzione è composta da 54 articoli ed in Italia è stata ratificata nel maggio del 1991.
Gli articoli si possono raggruppare in quattro grandi categorie:

  • Principio di non discriminazione (sancito nell’art.n.2)
  • Interesse del bambino (art.n.3)
  • Diritto alla vita, sopravvivenza e sviluppo (art. n.6)
  • Ascolto delle opinioni del bambino (art.n.12)

L’infanzia è un momento molto delicato della vita di ciascun bambino nel mondo.
La sua tutela è la priorità.

Il rapporto Unicef 2014 chiamato “Ogni bambino conta” ci dà una fotografia della situazione sulle condizioni dei bambini nel mondo analizzando alcuni aspetti importanti quali: la scolarizzazione, la condizione femminile, la mortalità infantile, la malnutrizione e il lavoro minorile.
Segnale positivo, evidenziato all’interno del rapporto, è il dato relativo all’iscrizione alla scuola primaria, che nei paesi impoveriti è aumentata: da 53 bimbi su 100 nel 1990 a 81 su 100 nella primaria. Un dato che evidenzia un successo, ma che ne è dei dati circa la frequenza alla scuola secondaria? La scuola che “forma” le generazioni di dirigenti, tecnici, insegnanti, infermieri…?

Nelle tabelle qui sotto possiamo confrontare i dati demografici di Etiopia ed Eritrea (che sono stimati!) e paragonarli con l’Italia. Successivamente verranno analizzati i dati riferiti all’educazione.

indicatori demografici

I Paesi del Corno d’Africa mostrano dati molto simili tra di loro per quanto riguarda il tasso di crescita annuale della popolazione (seconda colonna), tasso di mortalità e natalità, , l’aspettativa di vita (quinta colonna) e il tasso di fertilità (sesta colonna). Considerando che le cifre sono stimate, non tengono in considerazione, soprattutto per l’Eritrea, l’importante fenomeno migratorio che coinvolge anche i più giovani che sta caratterizzando il paese.

indicatore demografico italia

In Italia, come si può leggere, la situazione è molto diversa, con natalità e mortalità inferiori e tasso di fertilità pari ad un terzo della media di Etiopia ed Eritrea. La speranza di vita è di vent’anni più lunga e una percentuale più alta di persone che vivono in aree urbane.

Per quanto riguarda l’aspetto dell’educazione, qui sotto la prima tabella riferita ai due paesi africani e poi l’Italia.
dati educazione

dati educazione Italia

Si nota subito che in Italia i valori sono molto alti, quasi tutti vicino al 100%. In Etiopia ed Eritrea la situazione è migliorata rispetto a qualche decennio fa. Ma il tasso di frequenza scolastico è ancora inferiore al 70% per la scuola primaria, e al 25 % nella scuola secondaria. Il tasso di alfabetizzazione è nettamente migliorato, ma il livello di educazione rimane ancora molto, troppo basso.

Per questo GMA si impegna nella promozione dell’educazione, per costruire un futuro migliore, partendo dall’educazione, dalla scuola, facilitandovi l’accesso anche nelle zone rurali, che sono quelle più penalizzate.

Abbiamo molti villaggi ad esempio del nostro impegno: #Warbira, #Wallaccia, #Kutto Sorfella, #Mokonissa e #Shasheko Shone in Etiopia, ma anche #Zeazega, #Adi Ghebru, #Afelba, #Adi Teklai, #Barentu in Eritrea.

Vogliamo migliorare le condizioni di vita dei bambini migliorando i servizi nel villaggio in cui vivono… il bambino è al centro del nostro cuore… perché è lui la promessa di un futuro migliore!

E’ possibile sostenere i bambini attraverso l’acquisto di un banco, materiale didattico e i giochi per l’asilo.

Promuovi anche tu insieme a GMA onlus il #diritto all’#infanzia.

 

Fonti:
Rapporto Unicef 2014 “Ogni bambino conta”