Yearly Archive2013

Byadmingma

Comune di Merlara sostiene Ololà

Un momento di gioia ha invaso Maria e Padre Vitali quando, qualche giorno fa, hanno ricevuto la prima donazione per il progetto del villaggio di Ololà. Il comune di Merlara, appartenente alla Sculdascia, è stato il primo comune a mettere il proprio contributo per sostenere la costruzione dell’impianto idrico nel villaggio dell’Etiopia.
Una soddisfazione che ha dimostrato quanto il Comune di Merlara sia impegnato nel sostenere attività di cittadinanza globale.

Lo scorso Settembre, in occasione del Meeting delle Famiglie, erano stati invitati i sindaci dei dieci comuni e presentato loro il progetto per promuovere a Ololà l’accesso all’acqua pulita, passo fondamentale per avviare poi l’istruzione e attività generatrici di reddito nel villaggio.

Ololà si trova nella zona del Wolayta, Woreda (provincia) di Damot Pulasa e dista circa 370 km da Addis Abeba. La popolazione è di circa 6.000 abitanti. L’approvvigionamento idrico è critico e donne e bambini si occupano della raccolta dell’acqua quotidianamente percorrendo anche 6 km al giorno. Allo stato attuale quindi solo il 7,69 % della popolazione ha accesso a fonti protette e ad acqua potabile.

I dieci comuni hanno quindi deciso di unirsi e di essere promotori dell’accesso all’acqua pulita. I punti d’acqua che si andranno a creare serviranno tutte le famiglie del villaggio e, di conseguenza, miglioreranno anche le condizioni igienico sanitarie che attualmente sono assenti.

GRAZIE al Comune di Merlara da parte del villaggio di Ololà.

Byadmingma

GMA su RAI3 – 12 DICEMBRE ALLE ORE 10.00

Cari Amici,
qualche settimana fa sono stati nostri ospiti gli operatori della trasmissione, realizzando piccole interviste e osservando il nostro modo di lavorare.

Oggi, GIOVEDI 12 DICEMBRE alle ORE 10:00, GMA sarà su SPAZIOLIBERO su RAI 3.

Vi invitiamo a seguirci durante la trasmissione, in 10 minuti riscopriamo insieme gli obiettivi di GMA…

Pubblichiamo il link dove poter vedere o rivedere la trasmissione: http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-6e86ea16-1f8d-4e12-a959-479ab12d015a.html

Byadmingma

I GIOVANI GMA protagonisti di Solidarietà

Cari ragazzi,
abbiamo una proposta da farvi…

Avete già segnato in agenda il nostro incontro del 15 dicembre

Giornata in cui… vogliamo sognare ed iniziare a pianificare insieme le attività per il futuro. Partiremo dal nostro modo di essere protagonisti oggi… in questa società, in questo contesto di crisi (… che deve essere un’opportunità…) con le nostre capacità e la nostra sete di giustizia…

Incontriamoci, scopriamo esperienze nuove (Ilaria Signoriello ci racconterà la sua esperienza di solidarietà con Ainram) e scriviamo la strada delle nostre idee di solidarietà, decidiamo come tradurle in azione!

A settembre abbiamo formato un gruppo sensazionale… continuiamo a farlo crescere, con l’entusiasmo che ci ha caratterizzato… abbiamo molto da fare insieme.. per costruire un mondo giusto, un mondo globale… da ricostruire partendo dall’azione LOCALE!

Vi proponiamo quindi un doppio appuntamento. Vi proponiamo di trovarci nella sede di GMA già SABATO 14 DICEMBRE alle ore 15,00.

Incontreremo Ilaria e altri ragazzi di altre associazioni socie di Solidarietà e Cooperazione Cipsi, il coordinamento a cui GMA appartiene e che da sempre traccia la cultura di solidarietà nel nostro paese.

Vi aspettiamo per discutere insieme… e per scrivere insieme un nuovo concetto di solidarietà, dove i nord e i sud si intrecciano, dove povertà ed esclusione sociale sono sinonimi, dove promuovere i diritti significa fare cultura al nord e al sud, dove l’ambiente è uno e unico, dove i giovani sono protagonisti con le loro novità e non vittime del mercato, dove l’economia è equa e sociale…

Potremo e dovremo focalizzare i temi su cui concentrare il nostro impegno in futuro… dove capire come lavorare bene insieme.

DOMENICA 15 DICEMBRE continueremo il nostro incontro… calando le nostre riflessioni sull’azione di GMA. Inizieremo insieme a capire come essere protagonisti con GMA e a tracciare un percorso di attività che ci porterà al meeting 2014.

Siete pronti???

Noi… si!

Byadmingma

Esperienza di due docenti italiani ad Asmara

La prof.ssa Ottavio Mariateresa insieme al prof. Mainardi Giuseppe ci raccontano la loro bellissima esperienza di insegnamento in Eritrea, presso la scuola italiana ad Asmara avvenuta nell’anno scolastico 2008/09.

Nell’ a.s. 2008/09  abbiamo insegnato materie letterarie e scientifiche nelle stesse classi della scuola italiana di I grado “A. Volta” di Asmara.
Alcuni argomenti, come , ad esempio, quello dell’igiene personale o l’alimentazione rischiavano di essere affrontati limitandosi, semplicemente, a trasmettere contenuti, dare norme su comportamenti, o a dare giudizi o, ancora, a porre etichette discriminatorie;  altri , come lo studio della città, potevano ridursi a semplice descrizione dell’ambiente vissuto, mentre ci è parso più opportuno collocare tutte le tematiche in contesti più ampi. Nel primo caso abbiamo posto l’accento sul “ benessere psico-fisico” personale e nell’ambiente vissuto suggerendo spunti anche su nuovi modi di alimentarsi, nel secondo caso, lo studio della città, oltre a curare l’analisi storica dei documenti, ha educato all’importanza del confronto tra le diverse culture rispettando il senso di appartenenza alla propria.
Tutte le attività hanno avuto lo scopo di potenziare l’uso della lingua italiana e l’arricchimento del linguaggio
. Un momento fondamentale della compresenza è stato l’esercizio finalizzato alla strutturazione dei testi, a definire loro tipologia e la modalità che li caratterizzava.  Il nostro contributo si svolgeva in due ambiti specifici, quello storico- letterario e quello scientifico. Era necessario rendere chiaro agli allievi  che due impostazioni così diverse necessitavano una scelta di termini che tenesse conto della specificità di ciascuna impostazione. Non solo i vocaboli specifici dovevano essere ben indagati insieme ai ragazzi, ma anche la struttura completa di quanto dovevano scrivere che doveva rispondere a esigenze argomentative, ad una precisa sequenzialità dei paragrafi, delle immagini ad essi associati e delle conclusioni che dovevano essere collocate negli spazi previsti, in modo da figurare il risultato di un ragionamento ed un modo di procedere. Speriamo che il nostro lavoro sappia dare nel futuro degli allievi un contributo alla loro crescita umana e culturale a cui era finalizzato il nostro intervento.”

Lo studio eseguito dai due docenti è stato poi raccolto e classificato in base agli argomenti trattati con i ragazzi, definendo l’obiettivo generale e specifico da raggiungere e le fasi che hanno portato all’acquisizione delle materie. Le conclusione che sono emerse sono di forte interconnessione tra le condizioni economiche e ambientali e una maggiore conoscenza/consapevolezza permette di risolvere in parte i problemi alimentari e di igiene di una popolazione.

Qui trovate le schede divise per argomento con la relativa metodologia.

GMA ha avviato  in  Eritrea il progetto Casa Famiglia PSC che ha come destinatari i bambini che vivono in situazioni difficili, in particolare, si prende cura di coloro che hanno perso uno o entrambi i genitori. I bambini di strada sono spesso costretti a forme di delinquenza per avere una piccola fonte di guadagno per loro e per la propria famiglia, non frequenta regolarmente la scuola o ha smesso senza raggiungere il primo livello. Il loro stato nutrizionale e sanitario è scarso, caratterizzato da quantità e qualità di cibo insufficiente, cure mediche inesistenti ed esposizione a rischi di epidemie e variazioni climatiche.
Questi bambini vengono di conseguenza emarginati dalla società, che li disprezza per la situazione in cui si trovano.

Gli obiettivi che GMA intende perseguire sono:

  • Aiutare i bambini ad affrontare adeguatamente la vita;
  • Ospitare i casi più bisognosi in casa famiglia;
  • Dare cure sanitarie e servizi sociali;
  • Offrire ai bambini appropriati corsi di specializzazione per aumentare le capacità personali di guadagno;
  • Provare a reintegrare i bambini nelle loro famiglie o in un contesto familiare sano;
  • Proteggere i bambini contro ogni forma di abuso e sfruttamento.

Per realizzare gli obiettivi sopra descritti, GMA si impegna a promuovere attività di “servizio sociale” per garantire una vita sana e sicura ai minori interessati, finanziare un adeguato supporto alimentare e assicurare interventi sanitari, controlli medici e di prevenzione.
Un altro aspetto fondamentale è l’istruzione e una formazione morale basata su valori. Ai ragazzi verrà inoltre fornita una guida, consigli e servizi ausiliari per innalzare la qualità della vita e ore di ricreazione per una crescita completa.

Visita il nostro progetto nel nostro sito alla seguente pagina: http://www.gmagma.org/progetti/bambino/pc/

Aiutare un bambino significa costruire insieme a lui il suo futuro e quello dell’intero villaggio.