Offa Gandaba

Diadmingma

Nuovo blocco scolastico per Offa Gandaba

Grazie all’impegno del villaggio e al supporto degli amici di Ampelos onlus abbiamo potuto iniziare i lavori di costruzione per il nuovo blocco scolastico nel villaggio di Offa Gandaba!  Molte altre scuole hanno bisogno del vostro aiuto

Diadmingma

Scuola di Offa Gandaba

Ad Offa Gandaba, pochi spazi e alti numeri di alunni creano una situazione molto disagevole: questo ci dà motivo di chiedervi un aiuto per la costruzione di 1 blocco scolastico di scuola primaria. Una scuola per poter ben funzionare ed essere un minimo confortevole, necessita prima di tutto di aule sufficientemente capienti (ora ambienti di circa 40/45 mq ospitano 65/70 bambini) e qualche spazio adibito ad ufficio e sala insegnanti, che ora manca del tutto. Dobbiamo attivarci e fare in modo di poter dare a tutti la possibilità di andare a scuola: molte iscrizioni sono state rifiutate per mancanza di spazio. I bambini che non vanno a scuola, sono costretti ad oziare a casa o vengono reclutati in diverse forme di lavoro minorile od obbligati a matrimoni precoci, e inevitabilmente aumenta il livello di analfabetismo del Paese. Aiutateci a sensibilizzare le persone su queste problematiche. 

Diadmingma

La sala multiuso di Offa Gandaba

Le donne della cooperativa stanno realizzando il sogno di avere una sede. La sala multiuso è in costruzione. Tutti sono stati coinvolti per raggiungere questo importante risultato: dall’ottenimento dei permessi, al reperimento delle pietre e della sabbia, alla fornitura dell’acqua per il cemento, alle attività di manovalanza… tutto il villaggio si è messo in moto per promuovere sviluppo.

Questa è la forza della cooperativa quando è supportata dalla gente del villaggio e dalla vostra solidarietà!

Diadmingma

Offa Gandaba: nasce una nuova cooperativa

Affianchiamo le donne di OFFA, sostenendole nella formazione e nelle attività lavorative della cooperativa.

Formando la cooperativa hanno costituito un fondo comune grazie ai loro risparmi per fare i loro primi piccoli investimenti. Daremo un supporto al loro fondo cassa e incentivi alle loro attività generatrici di reddito, affinché possano migliorare le loro di produzione agricola, allevamento o commercio.

Grazie alla cooperativa, le donne si fanno “ambasciatrici” dei bisogni del villaggio e promotrici di sviluppo.

Sosterremo servizi ed attività in risposta ai bisogni dell’intero villaggio: ad esempio, accesso all’acqua ed all’istruzione.

Obiettivi

La promozione delle attività della cooperativa e il sostegno al villaggio hanno lo scopo di migliorare le condizioni di vita della gente del villaggio.
In particolare:
Si migliorerà l’economia del villaggio, grazie al ruolo delle donne e al loro lavoro;
Si sosterrà la formazione delle donne, di conseguenza si promuoverà l’importanza del loro ruolo nella famiglia e nella società
Si miglioreranno le condizioni di vita delle loro famiglie, in particolare dei figli, che potranno andare a scuola e miglioreranno la loro alimentazione.

Beneficiari

GMA inizia a lavorare con una nuova cooperativa, composta da 60 donne, che si sono riunite in associazione su aiuto ed indicazione del governo locale che sta promuovendo la microfinanza e la promozione di nuove attività generatrici di reddito.
Le donne socie della cooperativa, sono di religione mista, madri di famiglia sotto i 40 anni di età, che si sono individuate per onestà e coinvolgimento alle attività del villaggio.

Il villaggio di Offa Gandaba e l’economia locale

Il villaggio di OFFA è situato nella zona del Wolayta (di cui Soddo è capoluogo) e dista 7 km dalla città. La popolazione complessiva è di 2.456 abitanti (registrati).
Le famiglie di quest’area sono composte mediamente da 7 – 8 persone, poco più della media nazionale. Le attività economiche di sostentamento, sono legate all’agricoltura di sussistenza e all’allevamento di animali, solo in piccola parte vivono di commercio locale.
Nel villaggio è possibile la produzione di foraggio, frutta e l’orticoltura. Una delle principali fonti di reddito della gente locale deriva da una foresta di oltre 1000 ettari eucalipto.