Humbo

Diadmingma

Saponificio di Humbo in azione per la comunità

Le donne del saponificio di Humbo apriranno un punto di vendita e distribuzione del sapone sulla strada principale: questo container presto diventerà un negozio!
Nel frattempo, gli animatori di GMA si stanno dando da fare per diffondere il sapone nei villaggi, come forma di prevenzione per la pandemia. 
Nei mesi in cui noi abbiamo conosciuto l’emergenza sanitaria, loro si sono attivati per prevenirla. Le sosteniamo perché l’intraprendenza delle donne permetta loro di far fronte a questa crisi!

cisterna

Nell’ultimo anno la sala multiuso della cooperativa di Humbo è diventata anche laboratorio di produzione del sapone.

Mentre le donne si stavano organizzando per avviare questa nuova attività ci sono stati dei disordini nel villaggio, quindi hanno rallentato le attività per prudenza. 
Nel frattempo hanno dedicato tempo alla formazione, per imparare a produrre il sapone liquido da poter vendere soprattutto in città. 
GMA le ha sostenute posizionando una cisterna di raccolta dell’acqua, per facilitare la produzione di sapone… ed ora l’attività è avviata con grande impegno da parte delle socie!

Prima della pandemia erano arrivate a produrre circa 80 litri di sapone alla settimana.

Diadmingma

Le novità dal villaggio di Humbo

Nel Villaggio di Humbo la cooperativa ha ripreso a lavorare a gran ritmo, dopo i disordini che c’erano stati nella zona che avevano rallentato tutte le attività.

Dopo la formazione sulla produzione di sapone, le donne hanno iniziato a mettersi alla prova e in pochi giorni hanno prodotto un centinaio di litri di sapone liquido. La sala multiuso è il loro punto di produzione, e perché possano lavorare bene è stata installata una cisterna per avere acqua a disposizione. È una grande novità!

Ed oggi è più importante che mai: considerata l’espansione della pandemia, l’igiene è la principale prevenzione… e le donne di Humbo possono offrire un grande aiuto alla propria comunità!

Diadmingma

Il sapone della cooperativa di Humbo

Grazie alla sala multiuso, le donne della cooperativa di Humbo hanno avviato la produzione di sapone liquido. Saranno le prime a sperimentare il risultato del proprio lavoro: potranno così migliorare l’igiene della propria famiglia. 

Diadmingma

Humbo

La cooperativa del villaggio di Humbo è sempre più attiva: ha nominato un nuovo comitato, i soci hanno avviato nuove coltivazioni di caffè e aloe e le famiglie più bisognose hanno ricevuto mucche e vitelli per la sussistenza della famiglia. Le socie sono state anche promotrici di campagne di vaccinazione contro la febbre gialla.

Nel frattempo, i bambini del villaggio hanno iniziato a frequentare il nuovo asilo-fidel: finalmente ci sono più bambini a scuola e meno bimbi a rischio sulle strade. Hanno un’alternativa al lavoro nei campi o sulle strade!

La forza del villaggio è… guardare al futuro dei propri figli.

Diadmingma

Costruiamo un saponificio a Humbo

CONTESTO DI RIFERIMENTO
Il villaggio di Humbo Larena si trova nel sud dell’Etiopia, in Wolaita: la pratica tradizionale della monocoltura ha fortemente degradato il suolo, rendendo l’85% delle terre poco produttive per la produzione agricola. Questa situazione di degrado territoriale non permette alla comunità una stabilità economica, e costringe gli abitanti della kebele ad emigrare verso la città per poter lavorare e assicurare a se stessi, e alla propria famiglia, il necessario per poter sopravvivere.
L’ALOE E LA PRODUZIONE DI SAPONE
La coltivazione dell’aloe è una grande opportunità per lo sviluppo dell’economia rurale nel Sud dell’Etiopia. L’aloe cresce spontaneamente e rappresenta una pianta ornamentale e medicamentosa importante. La coltivazione di aloe e la produzione di sapone sono un’opportunità per introdurre nuove fonti di reddito, grazie alla vendita sul mercato locale di saponi, valorizzando una pianta autoctona che si adatta particolarmente bene anche a periodi di siccità. La produzione di saponi può caratterizzare un’esperienza pilota nella zona. L’introduzione del saponificio risponde ad una domanda crescente in città di Soddo ed è funzionale alla diffusione di buone pratiche sanitarie nei villaggi.
OBIETTIVI E BENEFICIARI DEL PROGETTO
Il progetto ha l’obiettivo di introdurre una nuova economia locale valorizzando una risorsa autoctona: l’aloe. Le prime beneficiarie del progetto saranno 20 socie della cooperativa, alle quali verranno insegnate le metodologie e le tecniche di produzione di sapone seguendo modelli già esistenti nel territorio.
ATTIVITA’ PREVISTE
Le socie della cooperativa di Humbo parteciperanno ad una formazione specifica  per la produzione di sapone con esperti locali. Si avvierà la costruzione dell’edificio nel compound della sala multiuso. Il saponificio sarà costituito da un blocco unico, suddiviso in 4 aree di lavoro. E’ prevista l’installazione di un sistema di raccolta dell’acqua piovana, per facilitarne il reperimento finalizzato alla produzione di sapone.
La formazione delle socie e la costruzione dell’edificio avrà un costo complessivo di 21.300,00 €.