etiopia

Dioperatore-sede-gma

La scuola di Bossa Kacha

La scuola di Bossa Kacha ora è completa e operativa!

Realizzata in pochi mesi, nonostante le difficoltà del periodo, già ospita più di 500 giovani studenti fino all’ottava classe. Due nuovi edifici blu che affiancano la vecchia scuola: due strutture con quattro classi ciascuna per garantire il diritto allo studio a tutti i giovani del villaggio. I nuovi edifici sono il nuovo tesoro del villaggio: qui impareranno a leggere e scrivere i piccoli cittadini del villaggio.

Arredato con banchi e scrivanie realizzate da artigiani locali, ha aperto a novembre 2020 cercando di mantenere nuove regole che tutelino i ragazzi dal Covid. Distanziamento, lavaggio mani prima di entrare in classe, grazie a delle taniche disponibili all’ingresso della scuola.

Una nuova scuola nel villaggio è la prima prevenzione alla vita di strada, e garantisce il diritto essenziale all’istruzione.

Dioperatore-sede-gma

Il villaggio di Warbira

Warbira è un villaggio distante una ventina di chilometri da Soddo, lontana quindi dalla città e dalle sue possibilità di mercato. La cooperativa del villaggio è particolarmente attiva, il mulino e il punto ristoro lavorano efficacemente: le donne sanno di poter trovare al mulino il servizio necessario e le farine indispensabili per garantire il cibo alla propria famiglia, evitando così ore di viaggio con sacchi pesanti sulle spalle. Quando il mulino non funzionava, era un dramma soprattutto per le donne più anziane e le donne incinte.

Le attività della cooperativa di Warbira sono particolarmente apprezzate nel villaggio. La caffetteria, realizzata anni fa con il vostro aiuto, offre servizio ai funzionari dell’amministrazione, il personale scolastico ed a coloro che arrivano al “punto salute” del villaggio. Il mulino, poi, è un’importante attività per i soci della cooperativa, dalla quale possono ottenere del guadagno e rendere un servizio alla comunità. L’intera economia del villaggio può migliorare se c’è un mulino che garantisce la lavorazione dei prodotti agricoli e la vendita di farine e spezie. In questi mesi li abbiamo sostenuti affinché tutto fosse operativo nel villaggio, senza dover dipendere dall’economia della città.

Ma il 2020 ha riservato tante sfide: il villaggio di Warbira ha risentito della siccità che quest’anno ha colpito il Corno d’Africa, che insieme all’invasione di cavallette e alle limitazioni di spostamento per prevenire il Covid ha spossato la popolazione locale. Per questo, su richiesta dell’amministrazione locale abbiamo distribuito animali per permettere alla gente di far fronte alla carestia. GMA ha consegnato 190 pecore ad altrettante famiglie in difficoltà. In queste settimane consegneremo una pecora a 30 donne capofamiglia segnalate dall’amministrazione locale.

Dioperatore-sede-gma

La nuova scuola di Offa Gandaba

Nei primi mesi dell’anno, Maria Boggian ha potuto incontrare a vostro nome i bambini del villaggio di Offa Gandaba, e visitare la nuova scuola realizzata grazie al vostro aiuto.

Un anno fa la scuola di Offa Gandaba era un sogno in costruzione: ora è realtà.
La scuola di Offa Gandaba ora è completa e operativa.
Realizzata in pochi mesi, nonostante le difficoltà del periodo, già ospita più di 240 giovani studenti fino all’ottava classe. Un nuovo edificio che affianca la vecchia scuola: una struttura con quattro classi per garantire il diritto allo studio a tutti i giovani del villaggio.
Il nuovo edifici è il nuovo tesoro del villaggio: qui impareranno a leggere e scrivere i piccoli cittadini del villaggio. Il diritto all’istruzione ora è garantito.
Arredato con banchi e scrivanie realizzate da artigiani locali, ora la scuola è operativa. Ha aperto a novembre 2020 cercando di mantenere nuove regole che tutelino i ragazzi dal Covid. Distanziamento, lavaggio mani prima di entrare in classe, grazie a delle taniche disponibili all’ingresso della scuola.

Una nuova scuola nel villaggio è la prima prevenzione alla vita di strada, e garantisce il diritto essenziale all’istruzione.

Dioperatore-sede-gma

Emergenza alimentare in Etiopia ed Eritrea

EMERGENZA ALIMENTARE E SANITARIA

Mentre la pandemia mette in ginocchio il mondo intero, il Corno d’Africa ha dovuto far fronte a questo periodo con l’aggravante di altre sfide: nuove tensioni politiche, invasioni di locuste che hanno devastato le produzioni agricole, impossibilità di accedere al mercato. Là dove i sistemi socio-economici sono già fragili, la pandemia, nata come emergenza sanitaria, sta tragicamente mettendo in risalto le disuguaglianze e sta mettendo in ginocchio la gente nelle zone rurali del Corno d’Africa, che è alla fame.

OBIETTIVO DEL PROGETTO

Obiettivo della proposta è combattere l’emergenza alimentare con la distribuzione di animali o con la distribuzione di cibo.
Per far fronte all’emergenza alimentare si intende agire a livello familiare attraverso azioni di formazione e fornitura di beni essenziali alla sopravvivenza e alla sicurezza alimentare.

DISTRIBUZIONE BENI ALIMENTARI

L’alimentazione di base della popolazione eritrea è l’engera, una focaccia a base di farina di vari cereali, e lo shirò, una crema di ceci con cipolle.

Pomodoro e verdure condite con olio completano il menù.

Ogni famiglia selezionata riceverà una quantità proporzionale al numero dei membri (in media cinque) di farina, lenticchie e olio di semi.

15€

per il cibo ad una famiglia dell’Eritrea per una settimana

50€

per una pecora in Etiopia

DISTRIBUZIONE ANIMALI

Con l’acquisto di una pecora o una capra gravida, la famiglia può avere presto un piccolo allevamento e latte, può avviare una piccola attività di commercio dei prodotti derivati dall’allevamento (latte, burro). Gli ovini sono animali resistenti, particolarmente adatti alle zone aride e sono facili ed economiche da mantenere. Spesso è compito dei bambini prendersene cura. Per questo sono particolarmente adeguati alle famiglie più povere.

Per questo un piccolo allevamento familiare è fondamentale per far fronte a questo periodo difficile.

LA VITA NEI VILLAGGI

Tutti i villaggi, dediti all’agricoltura e alla pastorizia, sono stati più o meno colpiti dall’invasione delle locuste e le piogge irregolari hanno rovinato il raccolto. Nei villaggi la gente vive di agricoltura di sussistenza, quindi per i prossimi mesi sarà necessario sostenere le famiglie con animali e beni alimentari:

  • Verranno distribuiti alimenti in 6 villaggi dell’Eritrea
  • Verranno distribuiti ovini in 4 villaggi dell’Etiopia
BENEFICIARI

Beneficiari del progetto sono più di 2300 persone:

In Eritrea: si distribuiranno generi alimentari in sei villaggi per
portare soccorso a 300 famiglie indigenti, circa 1500 persone:
si tratta di famiglie povere con bambini o anziani, disabili e malati.

In Etiopia: 120 famiglie fragili nei villaggi del Wolaita in Etiopia, per la distribuzione di piccoli animali e l’avvio di allevamenti raggiungendo circa 800 persone. Tra novembre e gennaio sono già stati consegnati 190 capi animali. Ora la richiesta è stata ampliata ad altri 4 villaggi seguiti da GMA.

COSA STA SUCCEDENDO

IN ETIOPIA

Si sono attuate politiche molto restrittive per la prevenzione della pandemia. Fortunatamente ad oggi il numero di casi nel paese resta limitato; ma gli effetti collaterali sono molteplici, soprattutto a livello economico: non potendo “vivere” i mercati, la gente delle zone rurali è stata privata di ogni misura di sussistenza. Inoltre, in questi mesi le coltivazioni del sud est del paese sono state devastate dall’invasione di locuste e i disordini politici e le molteplici sommosse emerse nel paese hanno messo a repentaglio l’economia locale. L’economia familiare, sostiene l’economia le famiglie nei villaggi: chi ha animali ha una base per sopravvivere.

IN ERITREA

La pandemia Covid-19 ha causato problemi e sofferenze anche a persone che non ne sono state direttamente colpite: il Paese è in costante lockdown da marzo 2020, scuole e negozi di alimentari sono chiusi; mancano i trasporti. Durante il periodo della mietitura, inoltre, c’è stata un’invasione di locuste che ha colpito alcune regioni del paese, aumentando la miseria: in alcuni villaggi non ci sono più nemmeno le foglie sugli alberi.
Nei villaggi restano anziani e bambini piccoli, e tutto gravita sulla forza delle mamme; i giovani e gli uomini adulti sono al servizio del governo a tempo illimitato; inoltre da novembre 2020 la guerra divampa oltre il confine con l’Etiopia, nella regione del Tigray, con il coinvolgimento di soldati eritrei.

Dioperatore-sede-gma

La nuova scuola di Abala Abaya

La costruzione della scuola di Abala Abaya si è conclusa!

Il progetto prevedeva la costruzione di un blocco scolastico in mattoni, composto da 4 aule, uffici scolastici e un magazzino. Ora 350 bambini del villaggio potranno studiare in nuove aule, arredate con banchi, cattedre, armadi e lavagne realizzati grazie al prezioso aiuto dei giovani ragazzi di strada di Busajo Onlus, che hanno dovuto rinunciare alla scuola proprio perché il loro villaggio non ne aveva una e la famiglia era troppo povera per garantire questo diritto essenziale. Presto l’arredo delle aule sarà pronto. 

I banchi di scuola di Abala Abaya hanno un doppio valore: garantiscono un posto a scuola a bambini che fino a ieri non potevano accedervi, e vengono realizzati dai ragazzi che già sanno cosa significa vivere in strada. Ne conoscono i pericoli ed ora hanno l’opportunità di riprendere a studiare e diventare giovani professionisti del legno, grazie ai laboratori di falegnameria e ai percorsi di formazione e inclusione.