Igiene e Mascherine anche per le scuole in Eritrea

Dioperatore-sede-gma

Igiene e Mascherine anche per le scuole in Eritrea

A settembre le scuole riapriranno? 

È una domanda che ci facciamo tutti. In quali modalità? È una risposta che ora nessuno ha. Non solo in Italia… ovunque! Anche in Eritrea!

In ogni caso tutti cercano di organizzarsi al meglio per affrontare le nuove sfide: anche le Suore di Sant’Anna in Eritrea, dove gestiscono 3 scuole, e si occupano della formazione primaria di 3100 bambini in tutto il paese. Là dove la formazione a distanza non è nemmeno immaginabile, considerato che a malapena ci sono i libri e i quaderni per poter andare a scuola, non è pensabile immaginare una connessione online per le lezioni in assenza di elettricità, connessione e computer. Il distanziamento sociale in classi di 40 o 60 bambini? Tantomeno.

Eppure la scuola è un diritto, e le soluzioni si trovano! Ecco quindi che ci è arrivata questa proposta da Asmara: le suore Figlie di S. Anna gestiscono tre complessi scolastici nelle città di Adi Keih, Areza e Keren per bambini dai 7 ai 14 anni. Quando le scuole riapriranno sarà necessario fornire mascherine e materiali sanitari a tutti i 3100 alunni e a ogni classe, e di impostare un controllo da parte degli insegnanti per far rispettare le norme di igiene e tenere in isolamento chi dà segni di malattia (tosse, febbre, ecc.). Tante piccole nuove regole antiCOVID per il bene di tutti. Anche questa diventa un’occasione per usare le capacità delle donne della scuola di donnattiva: loro, insieme alle suore faranno le mascherine. Anche loro passano dal “ fashion design” dei bellissimi vestiti tradizionali eritrei ai dispositivi di sicurezza individuali! In ogni scuola ci sarà una cisterna, che verrà costantemente rifornita con un’autobotte, perché gli studenti abbiano almeno mezzo litro di acqua al giorno per l’igiene di base. All’ingresso di ogni aula ci sarà un contenitore di acqua con rubinetto e alcol per igienizzare le mani. Sapone e alcol verranno acquistati nei negozi della zona. Ma soprattutto durante l’attività scolastica la sensibilizzazione alle pratiche igieniche e di prevenzione del contagio sarà costante! I bambini saranno i promotori delle nuove buone pratiche anche a casa, e gli insegnanti organizzeranno anche incontri frequenti con le famiglie.

Ogni mese per ogni bambino che frequenta la scuola 5 € sono dedicati alla prevenzione della pandemia COVID 19. Con 60 €… educhiamo per un anno lui e la sua famiglia a rispettarci!

Questa pandemia ci sta insegnando quanto tutti abbiamo problemi comuni: per farvi fronte uniamo le forze! Ora più che mai l’unione (anche a distanza!) fa la forza.

Info sull'autore

operatore-sede-gma editor