agosto 2018

Diadmingma

Volontariato e Inclusione per 4 volontari in Servizio Civile Universale: CANDIDATI!

Abbiamo una grande novità!
GMA potrà ospitare 4 volontari in servizio civile che vorranno dedicare un anno a progetti di solidarietà e inclusione a Montagnana.
Cosa si fa? Insieme ci dedicheremo ai temi della #solidarietà #inclusione #minori #acqua #educazione per 12 mesi
Dove? A Montagnana (PD), nelle sedi di GMA, Coop. Soc. Crescere Insieme e Associazione Pavoniana La Famiglia
Chi può partecipare? I volontari devono avere tra i 18 e i 28 anni, e possono candidarsi entro il 28 settembre p.v.

Per sapere di più sul Servizio Civile Universale, scopri qui il bando per la selezione dei volontari: http://www.scelgoilserviziocivile.gov.it/

Se vuoi conoscere i progetti che coinvolgono la sede di GMA a Montagnana: cerca “Animare territori solidali coi minori” e  “Animazione territoriale sull’acqua diritto di tutti e contro gli sprechi, l’Ente promotore è il CIPSI
La domanda di partecipazione alla selezione e la relativa documentazione vanno presentati all’ente promotore  Cipsi. Si può inviare la domanda via PEC, con raccomandata a/r oppure presentarla a mano. La data di scadenza è il 28 settembre 2018 (in caso di consegna a mano entro le ore 18:00)

I requisiti necessari

Chi può presentare domanda di partecipazione al Servizio Civile?

Possono presentare domanda i giovani senza distinzione di sesso che, alla data di presentazione della domanda, abbiano compiuto i 18 e non superato i 28 anni di età (28 anni e 364 giorni) e siano in possesso dei seguenti requisiti:

  • cittadini italiani;
  • cittadini degli altri Paesi dell’Unione europea regolarmente residenti in Italia;
  • cittadini non comunitari regolarmente soggiornanti;
  • non aver riportato condanna anche non definitiva alla pena della reclusione superiore ad un anno per delitto non colposo ovvero ad una pena della reclusione anche di entità inferiore per un delitto contro la persona o concernente detenzione, uso, porto, trasporto, importazione o esportazione illecita di armi o materie esplodenti, ovvero per delitti riguardanti l’appartenenza o il favoreggiamento a gruppi eversivi, terroristici o di criminalità organizzata.

Documentazione per candidarsi
Compilare in modo chiaro a stampatello, firmare ed inviare presso la sede del CIPSI Onlus – in Largo Camesena n. 16, 00157 Roma – che attua il progetto per il quale ci si vuole candidare, la documentazione di seguito elencata:

– Allegato 3, domanda di ammissione, scarica: allegato_3_domanda;

– Allegato 4, dichiarazione titoli, scarica: allegato_4_dichiarazione_titoli;

– Curriculum Vitae aggiornato in formato europeo;
– Fotocopia di un documento d’identità valido;
– Fotocopia del proprio Codice fiscale;
– Allegato 5, modulo sulla privacy, scarica: allegato_5_informativa_privacy;
– Qualsiasi certificato o documento che si ritiene utile ai fini della selezione.

Nota bene: nella domanda specificare sempre la sede (Città, Paese) per la quale si intende concorrere.

Come inviare la candidatura
La Domanda di partecipazione completa degli allegati può essere presentata esclusivamente secondo le seguenti modalità:
– a mano;
– a mezzo “raccomandata A/R” (attenzione: non farà fede il timbro postale di invio, ma la data di ricezione in sede delle domande. La candidatura dovrà pervenire direttamente presso la sede dell’Organismo che attua il progetto per il quale ci si vuole candidare. CIPSI onlus – in Largo Camesena n. 16, 00157 Roma.
– tramite Posta Elettronica Certificata (PEC) di cui è titolare l’interessato, allegando la documentazione richiesta in formato pdf, all’indirizzo PEC dell’organismo che realizza il progetto cipsi@pec.cipsi.it e avendo cura di inserire nell’oggetto “candidatura SCN – nome del progetto – nome dell’Organismo” (gestendo l’ente più candidature tramite l’indirizzo di Posta Elettronica Certificata è importante specificare per quale progetto si sta sottoponendo la propria candidatura).

Nota Bene: per inviare la candidatura via PEC

  • è necessario possedere un indirizzo PEC di invio (non funziona da una mail normale);
  • il volontario deve essere titolare di un proprio indirizzo PEC;
  • non è possibile utilizzare indirizzi di PEC gratuiti con la desinenza “gov.it“, utili al solo dialogo con gli Enti pubblici.
Per saperne di più: http://cipsi.it/invia-la-tua-candidatura-serviziocivileuniversale-due-progetti-del-cipsi-in-italia-minori-e-diritto-allacqua/  oppure contatta la segreteria di GMA 0429/800830 gma@gmagma.org o presso l’ente promotore CIPS: 06/5414894 cipsi@cipsi.it
Diadmingma

Marcia di Solidarietà: Camminiamo per l’Africa

Sabato alle ore 17,00 si svolgerà la marcia “Camminiamo per l’Africa” di 5 km per le strade di Montagnana partendo da piazza Vittorio Emanuele, una camminata di gruppo dedicato a gente di tutte le età … che darà alla città murata di Montagnana un’atmosfera dai colori africani.

L’evento è realizzato grazie alla preziosa collaborazione dell’Associazione Corri Le Mura Corri e con il patrocinio del Comune di Montagnana.

Durante l’evento in Piazza si vivranno i “Diritti + Umani” con allestimenti, giochi, aree di approfondimento.

Partecipa all’evento anche attraverso la nostra pagina facebook: https://www.facebook.com/events/2109559292699080/

Diadmingma

Il meeting per bambini e ragazzi

E i bambini al meeting? C’è un programma ricco di iniziative per loro!

Scopriranno, vivranno, sperimenteranno i Diritti+Umani: giocando, leggendo, camminando e divertendosi 

Sabato 8 settembre: Alle 17,30 camminiamo per l’Africa è una marcia di solidarietà per famiglie organizzata con Corri le Mura Corri, dove si incontreranno atmosfere africane tra le mura di Montagnana e dove si potranno sperimentare i giochi africani

La sera, alle ore 21,00 si balla in piazza a Montagnana e si far il giro del mondo con l’orchestra multietnica “Mosaika”

Domenica 9: DIRITTI + UMANI

  • piccoli e grandi raccoglitori di tappi potranno portare tutta la loro raccolta estiva direttamente al GMA
  • durante la giornata ci saranno giochi e laboratori per bambini di tutte le età: dalla lettura animata delle fiabe “A Marianeve” a giochi di movimento e animazione durante la giornata con l’associazione 100%
  • spettacolo teatrale per bambini con l’associazione Neverland Contaminazioni Culturali

Diadmingma

Il caporalato uccide, l’indifferenza pure

Ancora una strage di lavoratori, schiacciati non solo da lamiere accartocciate sulle strade italiane dopo aver raccolto pomodori per due euro l’ora ma dallo sfruttamento da parte di padroni, padrini e sfruttatori vari. Sono lavoratori uccisi dal bisogno, dalla disperazione, da un lavoro lasciato troppo spesso nelle mani del mercato criminale e dall’indifferenza. Ma anche dalle lacrime di coccodrillo di chi dopo ogni strage invoca controlli e (contro)riforme salvo riprecipitare nell’oblio dopo pochi giorni, per poi riparlarne alla strage successiva, dimenticando che nel nostro Paese vi è un morto sul lavoro ogni otto ore e due mila infortunati al giorno: quindi ogni giorno è strage. E ogni giorno aumenta la responsabilità di chi non vede, non sente, ma parla  quando si contano i morti. Solo nell’agricoltura sono 430 mila i lavoratori e le lavoratrici sfruttati, di cui 130 mila in condizioni paraschiavistiche. E poi c’è l’edilizia, i trasporti, i servizi etc.

Per questo non facciamo appello alle Istituzioni le quali conoscono i loro doveri e se non li adempiono ne risponderanno davanti a chi democraticamente li giudica e controlla. Vogliamo invece rivolgerci a uomini e donne di buona volontà che non vogliono chiudere gli occhi davanti a un prodotto sottocosto sul banco di un supermercato, dietro il quale c’è una filiera che inizia con il sangue di disperati, migranti e italiani. Chi produce, vende, compra, usa un tale prodotto è l’altro capo dello sfruttamento. E non può più rimanere indifferente.

Facciamo appello ad associazioni, sindacati, persone e organizzazioni che ogni giorno vivono e combattono la violazione di diritti umani, le mafie, il caporalato, la tratta e ne sopportano il peso, vedendo calare ogni anno l’indice di dignità e legalità, dunque di democrazia del Paese.

Non ci stancheremo di ripetere che lo sfruttamento del lavoro, il controllo del territorio e l’umiliazione della persona sono il terreno in cui nascono e crescono le mafie. Così come contro le mafie, non basta chiedere che tutte le istituzioni facciano la loro parte, ma è necessario che ciascuno di noi apra gli occhi e combatta collettivamente perché i diritti non vengano dopo i prezzi, le persone dopo i prodotti, gli interessi economici criminali e illegali prima del lavoro legale.

A questo appello, con idee e fatti,  si può aderire scrivendo a ilcaporalatouccide@gmail.com

 

Bruno Giordano, magistrato presso la corte di cassazione,

Marco Omizzolo, sociologo

Diadmingma

Mandiamoli a scuola: con il kit didattico

Ci prepariamo all’inizio dell’anno scolastico? abbiamo pensato ad un kit scuola utile a noi e ai nostri figli, e a loro perché promuove il diritto all’istruzione.

#MandiamoliaScuola! è un loro diritto, come lo è per i nostri figli! Ecco le scuole in costruzione quest’anno

Contattaci in sede, scopri come ricevere la borsetta con il materiale necessario per il primo giorno di scuola. Vedi qui i dettagli del kit scuola